Il fallimento della differenziata

Condividi su i tuoi canali:

None

In questi giorni è uscito il notiziario n. 8 dell’osservatorio provinciale rifiuti. I dati riportati evidenziano il sostanziale fallimento del metodo della raccolta differenziata a cassonetto che è praticata su tutto il territorio provinciale. Il risultato del 40% che è stato raggiunto è in linea con quanto la finanziaria 2007 ha previsto su tutto il territorio nazionale, come non ha mancato di precisare l’assessore all’ambiente del Comune di Modena, nell’incontro pubblico a Villanova di mercoledì sera. Proprio per questo è un fallimento perchè il dato nazionale ha tenuto conto delle situazioni reali del nostro paese dove ci sono realtà che raggiungono il 6% e realtà che sfiorano l’85%. Modena si deve confrontare con queste ultime e mi sembrerebbe offensivo spiegarlo ai cittadini che vivono ed operano in questa città. Se si esaminano più attentamente i dati si nota che nell’area dove opera Hera la r.d. semestre 2007 è in calo rispetto al semestre 2006 nonostante tutti i tentativi messi in campo per raccogliere più differenziata possibile. Tutti i tentativi meno l’unico metodo che permette di raggiungere in pochi mesi la percentuale del 70%, guarda caso la percentuale che renderebbe inutile il raddoppio dell’inceneritore e che nel breve tempo di tre anni con la tariffa puntuale farebbe calare il costo che che i cittadini devono sostenere per fornire materia prima all’inceneritore. Unico caso di industria che viene pagata da chi gli fornisce la materia prima per produrre utili da distribuire a pochi. Non ritengo utile soffermarmi sul mancato raggiungimento del 55% di r.d. prevista dal piano gestione rifiuti al 2005 in quanto è un falso problema che legittimerebbe la supremazia di Modena nell’emettere sostanze inquinanti in atmosfera con l’inceneritore più grande di tutta la regione.

Concludo riportando una frase del Sindaco rivolto a chi come me è impegnato su questa materia: “”Noi e voi su questo tema dobbiamo collaborare!”” Bene noi la nostra parte la stiamo facendo presentando una delibera al Consiglio Comunale su la raccolta porta a porta. Signor Sindaco la presenti Lei in Consiglio e ne ottenga l’approvazione unanime di tutti i consiglieri perchè la salute dei cittadini non ha nessun colore politico

 

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica