Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati ha incontrato il Presidente del Tribunale di Modena Dott. Pasquale Liccardo

Condividi su i tuoi canali:

None

 

“Un’occasione per dare il benvenuto al magistrato e per sottolineare la volontà di dare il nostro fattivo contributo al funzionamento ottimale della macchina della giustizia, nell’interesse dei cittadini e di chi vi lavora” ha evidenziato il presidente Avv. Daniela Dondi

 

 

Edilizia giudiziaria, digitalizzazione delle procedure, rafforzamento ulteriore delle forme di collaborazione tra i soggetti che sono chiamati a gestire e far funzionare al meglio la macchina della giustizia. Sono i tre temi principali di cui si è parlato in occasione dell’incontro di benvenuto tra il Consiglio dell’Ordine e il Presidente del Tribunale di Modena Pasquale Liccardo insediatosi da alcune settimane.

 

In un clima estremamente costruttivo il Presidente dell’Ordine degli Avvocati, Daniela Dondi, ha esposto alcuni degli argomenti su cui da subito si può lavorare per migliorare, prima di tutto nell’interesse dei cittadini, l’efficienza della macchina della giustizia, a partire dall’impiego dei contenitori.

 

Siamo consapevoli che gli ambienti oggi ospitanti i servizi giudiziari, hanno necessità di essere resi più moderni ed efficienti. E che questo, in vista anche di indispensabili ristrutturazioni, comporterà dei temporanei disagi. Qualunque sia la modalità che si andrà a adottare, occorrerà evitare, per quanto possibile, la polverizzazione delle sedi, cercando soluzioni che coniughino efficienza degli spazi e comodità nel raggiungere ed utilizzare le strutture messe a disposizione”, ha sottolineato il presidente dell’Ordine degli Avvocati.

 

 

 

 


 

AvvDanielaDondi_President… (313 Kb)
 

Download

 
 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa