Il cacciucco alla Livornese

Condividi su i tuoi canali:

None

Il cacciucco è una zuppa di pesce tipica di Livorno anche se ne esiste una variante viareggina.

E’ un piatto nato povero e in origine preparato dai pescatori con il pescato che rimaneva dalla vendita. Si racconta che fosse il desinare preferito di Dante,il sommo poeta, tanto che veniva chiamato anche “”zuppa di Dante””  

Difficoltà: media

Tempo di cottura: 2 ore e tre minuti

 

Ingredienti per 6 persone:

 

500 gr. di polpo

500 gr. di seppie

300 gr. di palombo (o altro pesce similare al trancio)

500 gr. di pesce da zuppa (scorfano, gallinella, ecc.)

500 gr. di crostacei misti (cicale, scampi, gamberi, moscardini)

505 gr. di cozze500 gr. di pomodori pelati

aglio, salvia, peperoncino, odori da brodo (cipolla, carota, sedano)

1 bicchiere abbondante di vino rosso

 

In una capace casseruola si mettano un paio di spicchi d’aglio “”in camicia””, il peperoncino e il ciuffo di salvia nell’olio.

Quando l’aglio imbiondisce si spruzzi con parte del vino rosso e si lasci evaporare a fuoco vivace.

Si tolgano aglio, salvia e peperoncino e si disponga nella casseruola il polpo tagliato a pezzi e battuto per ammorbidirlo.

Dopo circa 1/4 d’ora si aggiungano le seppie anch’esse a pezzi.

Si fa colorire ben bene il tutto e poi si versa il restante vino rosso che lasciamo evaporare.

Si aggiungono i pomodori pelati con la loro acqua e si abbassa la fiamma. In contemporanea si mettono in una pentola in acqua fredda gli odori da brodo e i pesci da zuppa.

Li facciamo bollire e quando il pesce è pronto si toglie dall’acqua e si passa con il passatutto e si aggiunge nel pomodoro.

Teniamo di scorta il brodo del pesce perché potrebbe servire se il cacciucco tendesse ad asciugare troppo.

Quando il polpo e le seppie iniziano ad ammorbidirsi, si aggiungano i crostacei e il pesce a trancio (se palombo a rondelle, altrimenti a cubetti)

Si aggiusta di sale (se fosse necessario) e a cottura quasi ultimata si aggiungono le cozze.

Quando sono aperte il cacciucco è pronto.


Il cacciucco è un PIATTO UNICO e deve essere servito caldo in scodelle (meglio se terrine) su una bella fetta di pane toscano abbrustolito e strusciato con l’aglio.

Sul cacciucco, visto il suo gusto pieno e ricco, si beve rigorosamente VINO ROSSO giovane.

Un Val di Cornia o un Montescudaio Rosso sono particolarmente indicati.

Riguardo al nome sono due le teorie più accreditate. La prima è che il nome derivi dal turco “”Kuçuk””, che significa a pezzetti piccoli, come in effetti si presenta il pesce in questa zuppa.

L’altra è che derivi dallo spagnolo “”cachuco”” che indicherebbe un particolare tipo di pesce e poi per estensione il pesce in generale.

 

 

by
M.G.
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...