I vincitori

Condividi su i tuoi canali:

Luigi Ralenti, neo sindaco di Serramazzoni, ha sbaragliato la concorrenza del centrodestra, mettendo un sigillo importante sul predominio del centrosinistra in paese. E con il primo cittadino riconfermato parliamo di programmi futuri.

Sindaco perché secondo lei ha vinto il centrosinistra. Nei giorni precedenti alle elezioni nessuno si sarebbe mai aspettato un successo così netto .

 

I cittadini hanno premiato chi in questi anni non ha venduto fumo, ma parlato con i fatti. Il programma che avevamo promesso quando diventai sindaco è stato rispettato quasi al cento per cento. Abbiamo messo le mani sul polo scolastico, costruito una nuova palestra, creato una materna al passo con le esigenze dei bimbi e delle famiglie.

Sono stati questi il fiore all’occhiello.

 

E per il futuro su cosa si lavorerà?

 

Ora puntiamo a rifare le Elementari e aprire due nuovi asili nido. Le famiglie, andare incontro alle loro esigenze, sono il nostro principale obiettivo.  Ma pensiamo anche a rafforzare le potenzialità turistiche e l’immmagine di Serramazzoni. Spazi ricreativi, altri impianti sportivi possono essere importanti per ridare slancio al settore del turismo””.

 

Il futuro immediato significa anche Giunta nuova. Ci dà qualche nome?

 

Bagnoli, ex vicesindaco nella giunta Bartolacelli, aveva lasciato il centrodestra ed era uscito dalla politica. E’ una persona brava, che va oltre gli schieramenti e l’abbiamo voluto in squadra. E’ stato il terzo nelle preferenze. Va premiato. Ma anche i 4 assessori che sono stati con me fino in fondo, protagonisti di un ottimo lavoro al servizio del paese””.

 

Qualcuno aveva gettato dubbi sulla sua moralità. Andando a ripescare un terreno di proprietà di sua moglie, guarda caso, diventato edificabile.

 

“”Sono della Margherita e quando mi chiesero di candidarmi promisi che avrei ceduto la mia impresa edile per

non dare spazio al minimo sospetto. Anche questa era una promessa che ho mantenuto. Sulla vicenda del terreno: è edificabile da 5 anni, e non edificato. Terreno per cui paghiamo regolarmente l’Ici come terreno edificabile, da allora. Già, perchè la verità è che quella variante l’ha fatta la giunta di centrodestra di Bartolacelli nel 2001, non noi. E il terreno in questione è inserito tra altri resi edificabili dalla precente giunta. Altro che favori””

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica