I soldi ci sono ma sono spesi male…

Condividi su i tuoi canali:

Un fiume impressionante di denaro, mal speso, sottratto alla messa in sicurezza del territorio, in una gestione scellerata del denaro pubblico.

Il dissesto idrogeologico in tutta la nazione sta assumendo proporzioni  apocalittiche. Drammaticamente in evidenza in questi giorni, inoltre, per quanto accaduto in varie parti d’Italia e soprattutto in Emilia, è la cronica mancanza di risorse economiche da destinare alla cura dell’ambiente. Di fronte a questi eventi, inizia il coro delle geremiadi, da parte degli organi centrali e  da parte delle amministrazioni locali… non ci sono soldi, per  la manutenzione degli argini, per la pulizia dei letti dei fiumi, per la messa in sicurezza  del territorio a rischio di frane…Tutto questo stride, e indigna, rapportato alle stratosferiche prebende percepite, in tutta Italia, Emilia compresa, ovviamente, da direttori generali, dirigenti,  funzionari di alto livello, consulenti… nominati dalla politica…Un fiume impressionante di denaro, mal speso, sottratto alla messa in sicurezza del territorio, in una gestione scellerata del denaro pubblico.

A questo argomento è dedicato l’articolo di MB, Rottura dell’argine destro del fiume Secchia: una tragedia annunciata, una esposizione circostanziata, un’appassionata denuncia, che non vuole essere un processo, poiché i processi si fanno nei tribunali e la  Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena accerterà  eventuali responsabilità da parte degli organi preposti alla custodia e manutenzione del fiume.

L’Avv. Gian Carla Moscattini firma Prorocollo d’intesa sul  legittimo impedimento dell’avvocato. Venerdì scorso infatti si è siglato un Protocollo d’intesa tra Avvocati, Giudici e Pubblici Ministeri che pone le regole del gioco all’interno del processo civile e penale in caso di “legittimo impedimento” dell’avvocato.

In Segno di croce e altri gesti scaramantici  Maria  commenta la notizia della studentessa di terza media, redarguita dal professore di Religione, per aver fatto un segno di croce, al suono della sirena di un’ambulanza; gesto giudicato come poco sensibile, nei confronti di atei e credenti di altre religioni.

Legge elettorale: primo effetto, analisi politica  del Sen. Paolo Danieli. Quasi certamente questa riforma verrà approvata, magari con qualche piccola modifica. Che cosa possono fare allora le forze politiche minori per evitare di essere spazzate via?

Il critico cinematografico Francesco Saverio Marzaduri, nel suo articolo intitolato  Tornando a casa : Nebraska,  recensisce il film che Alexander Payne dedica al proprio luogo di nascita, un vero affresco…dai casali alle chiese, dai paesaggi di campagna abitati dalle mandrie alle trivelle, dai grandi spazi fordiani alla natura selvaggia, sino ad abitazioni e a negozi di città che riecheggiano le atmosfere Fifties.

Per Opinioni a confronto, Alberto Venturi  e Gianni Galeotti scrivono sulla Legge elettorale prossima ventura…in particolare  sulle cosiddette “quote rosa”  che sono uno dei punti  cardini dell’Italicum e che potrebbero, viste da opposte angolazioni, rappresentare un vantaggio per le donne che intendono dedicarsi all’attività politica, oppure un insulto… come se solo una normativa potesse garantire la possibilità della  rappresentanza femminile, e non il merito.

Per Il Medico risponde, il dott. Domenico Amuso ci parla questa settimana dell’ Ansia, quando essa supera la  giusta dose che  consente alle persone di affrontare efficacemente le difficoltà della vita quotidiana, ma  diventa patologica, fa sentire deboli e dipendenti dagli altri, quando si manifesta come un disagio  tale da impedire una vita normale.

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 404-64

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria