I rugbisti modenesi donano sangue

Condividi su i tuoi canali:

None

Presidente Ferrari: “Sono giovani, in buona salute… proprio come i donatori”

 

I “giganti” del Modena Rugby Club, tutti in fila alle 7,30 davanti all’autoemoteca dell’Avis provinciale di Modena per effettuare la donazione di sangue.

Prima della pausa estiva, infatti, sei atleti accompagnati dal preparatore atletico Leonardo Righi hanno donato il proprio sangue rispondendo così all’appello che l’associazione dei volontari rivolge a tutti i cittadini, in particolare nel periodo estivo, quando aumentano le richieste da parte degli ospedali.

Alcuni giocatori della squadra modenese avevano provveduto alla donazione (che si può ripetere ogni tre mesi per i maschi) nelle settimane precedenti, mentre altri colleghi lo faranno nei prossimi giorni essendo impegnati fuori Italia per le qualificazioni del mondiale. 

«Sono tanti i modenesi, in buona salute, che valutano ogni anno la possibilità di donare parte del proprio sangue o di emoderivati – spiega il presidente dell’Avis provinciale di Modena, Maurizio Ferrari – ma le richieste continuano a crescere perciò c’è bisogno di implementare la raccolta per garantire una scorta agli ospedali. Il fatto che tanti sportivi, come i giocatori del Rugby, abbiano deciso di affrontare in prima persona questo gesto di solidarietà è molto positivo: prima di tutto perché sono giovani e noi ci rivolgiamo sempre di più ai giovani modenesi; sono poi l’esempio diretto di un donatore che è “sportivo” non solo nel corpo ma anche nello spirito». 

Questa mattina davanti allo stadio comunale rugby “”Collegarola”” dove si è posizionata l’autoemoteca dell’Avis assieme al medico, agli infermieri e ai volontari, si sono presentati:

Mardones Marco Simon (flanker, classe 1985), Torraga Gonzalo Matias (flanker, classe 1978), Maccaferri Marco (seconda linea, classe 1987), R Flores Jay Jasper (tallonatore-pilone, classe 1987), Gilberto D’Elia e il preparatore atletico Leonardo Righi. 

«Per la nostra squadra si tratta di un impegno importante, che va a sommarsi ad altre iniziative di solidarietà attive da mesi – commenta il dirigente Mario Monsagrati –. Noi puntiamo molto sulla modenesità di chi gioca con noi e sull’attenzione al territorio e a chi ogni giorno fa del bene per questa città, per questa provincia, per le persone più in difficoltà. Oggi hanno donato alcuni giocatori, ma altri otto avevano donato nelle scorse settimane e altri ancora sono in lista per il rientro dalle vacanze».

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo