I presunti equini e gli angeli

Condividi su i tuoi canali:

Riflessioni sulla dichiarazione di Sarpedonte di abbandonare il suo ruolo di commentatore

Nei giorni scorsi Massimo Guerrini ci ha confessato le proprie malefatte, si è dato la penitenza da solo e se ne andato, sembra incurante, delle sollecitazioni di Arrigo Martinelli che da queste pagine lo invitava a ripensarci.

Usando per peccare la tastiera credevo che rinnovasse su di se la punizione del Muzio Scevola mentre invece, furbescamente, si è dato dell’asino ragliante che, tra l’altro, gli ultimi studi assicurano essere meno asino del cavallo.

In ogni caso se il Guerrini ha sbagliato la sua non è stata la sconfitta dell’asino  ma della presunzione.

Ha sbagliato nel volersi dare un  ruolo da gestire al nostro interno invece di porsi in mezzo a noi come uno di noi; ha sbagliato nel volere sviluppare questa suo impegnativa presenza caricandola troppo di mission e per ultimo ha dimostrato a se stesso e a noi come è difficile interpretare le aspettative e le preferenze dei lettori di Bice.

Sicuramente questi non amano essere trascinati per la giacca al fine di aprire un dibattito sul tema che piacerebbe a noi. Così come la provocazione in se fatta anche con tinte forti non è detto che sia sufficiente per sollecitare una discesa in campo.

Anzi più vuoi provocare e più esageri in modo evidentemente così tanto innaturale da venire individuato come non vero.

Prima deduzione : i lettori per non fare ingiustificate  preferenze non si comportano come equini…

I lettori di Bice hanno le ali come gli angeli e volano sugli scritti decidendo il momento e l’opportunità di posarsi in modo imprevedibilmente autonomo, sono angeli che volano anche sui commenti, ma credo siano più severi della redazione…per il solo fatto che vengano pubblicati non è detto che siano di interesse.

Lasciamo gli angeli liberi di volare, non chiediamo da loro risposte alle nostre pretese e non dimentichiamo che tutto è relativo compresa la valutazione che diamo agli scritti degli altri.

Ho fatto un commento nel blog del comitato di Rivara. Si lamentano di qualche nostro commentatore.

Uno tra i critici più convinti di Bice mi ha scritto:” Fino all’ultimo lotteremo e ci batteremo

Contro questa nefandezza (il maxi deposito di gas),

ma anche contro chi la sostiene, se lo ricordi…”

Questo signore si lamenta di qualche nostro commentatore, e poi beatamente e candidamente egli dichiara lotta anche contro chi non è solidale con loro, virgola, “se lo ricordi,,” con puntini di sospensione…

Mi sembra un misto tra un consiglio, una minaccia e un avvertimento mafioso.

Rispondo: mi ricorderò. Punto, senza puntini di sospensione!

 

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista