I PIANI D’AZIONE CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE E DI GENERE

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Sabato 21 febbraio, dalle 9, seminario di approfondimento e confronto in Municipio a Modena. Interviene la senatrice Maria Cecilia Guerra

La prevenzione e la lotta alla violenza sessuale e di genere sono il tema del seminario in programma sabato 21 febbraio, dalle 9 alle 13, nella sala del Consiglio comunale del Municipio di Modena.

L’incontro, intitolato “Dalla Convenzione di Istanbul al piano straordinario contro la violenza sessuale e di genere”, prevede nella prima parte gli interventi di approfondimento: dopo i saluti della presidente del Consiglio comunale Francesca Maletti e di Caterina Liotti per le associazioni femminili, la senatrice Maria Cecilia Guerra affronterà il tema “L’Italia e la Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza sulle donne”; l’onorevole Giovanna Martelli, consigliera per le Pari opportunità della Presidenza del Consiglio, traccerà il percorso verso il piano di azione straordinario; Titti Carrano, di Donne in rete contro la violenza, documenterà il contributo dei centri contro la violenza; Vittoria Tola, Udi, parlerà infine del contributo dell’Udi.

Nella seconda parte della mattinata, verranno illustrate le esperienze modenesi: l’assessora comunale alle Pari opportunità Ingrid Caporioni spiegherà il linguaggio di genere come processo culturale antidiscriminatori; l’assessora alla Coesione sociale e Welfare Giuliana Urbelli descriverà i servizi e il protocollo di rete del Comune di Modena. A seguire saranno trattate le esperienze dei percorsi di uscita dalla violenza, i modelli di educazione alle differenze come strumento di prevenzione, le mutilazioni genitali femminili come pratica culturale e non religiosa, le tutele giuridiche esistenti e le difficoltà per ottenere giustizia, le azioni politiche di solidarietà e prevenzione.

L’incontro, che ha il patrocinio del Comune di Modena, è promosso da Casa delle donne contro la violenza, Centro documentazione donna, Differenza maternità, Donne nel mondo, Gruppo donne e giustizia, Udi, One billion rising.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati