Hera e i rifiuti speciali

Condividi su i tuoi canali:

None

“I rifiuti urbani conferiti all’inceneritore di Ferrara diminuiscono, non bastano più.

Così Hera chiede al TAR di bruciare rifiuti speciali oltre le generose autorizzazioni concesse dalla Provincia (30 mila ton/anno), in spregio degli accordi firmati in fase di VIA”.

Questa notizia letta due giorni fa su un quotidiano di Ferrara potrebbe adattarsi benissimo alla realtà di Modena.
A quanto si legge sul bollettino dell’Osservatorio Provinciale appena uscito i rifiuti non stanno crescendo col trend che la Provincia di Modena nel PPGR (piano provinciale per la gestione rifiuti) ha ipotizzato ( ipotesi max e cioè 512.000 t/a al 2012) per approvare il raddoppio dell’inceneritore. Che era esagerata la stima lo stiamo dicendo da anni. I rifiuti prodotti in provincia di Modena ora sono 433.000 t/a, con una leggera flessione sul dato pro-capite annuo rispetto a un anno fà. Se la raccolta differenziata al 2012 arriverà al 65%, come il D.Lgs 152/2006 prevede, è chiaro che in Via Cavazza non sapremo cosa bruciare considerato che il nostro realizzando inceneritore raddoppiato brucerà 240.000 t/anno. Una pazzia, diverrà il più grande della Regione Emilia Romagna.

Crediamo quindi che arriveranno a bruciare una sempre maggiore quantità di rifiuti speciali provenienti da qualsiasi altra parte d’Italia perché questi hanno libero mercato e perchè Hera da tempo ( già dallo Studio d’Impatto ambientale di 4-5 anni fa) chiede di poterne bruciare una quantità più alta, ora autorizzate anche da noi 30.000 t/anno.

In attesa del completamento dell’inceneritore è stato autorizzato anche l’ampliamento della discarica RSU5 di via Caruso per 240.000 mc. con la clausola che entro l’anno deve chiudere.

Guai pronunciarsi sul tema…non vorremo mica arrivare all’emergenza di Napoli!

Il problema del momento è come fare a riempire e rimodellare la discarica di Via Caruso.

In questi giorni si sente dire che arrivano rifiuti speciali da fuori Modena..

Tutto regolare…per chiamare rifiuti speciali gli urbani basta una semplice vagliatura.

 

 

Il Comitato Modena Salute e Ambiente

www.modenasaluteambiente.it

noinceneritore.mo@libero.it

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati