Guardia di Finanza

Condividi su i tuoi canali:

Pubblichiamo il bilancio del 2006 a cura del Comando provinciale di Modena.Il nostro direttore Roberto Vacirca ha poi rivolto alcune domande al Col. Giordano

Colonnello Giordano, rispetto a quello che immaginava, che cosa le è piaciuto maggiormente di Modena?

 

La prego di non ritenere questa risposta come scontata quasi come se fosse un segno di cortesia obbligata. Questa provincia la ritengo unica nel suo genere: una peculiarità sua data dal valore aggiunto della sua gente.

Sono stato accolto con una carica di generosita’ disponibilita’ e serieta’ che non è cosa semplice riscontrare facilmente. Per voi che vi abitate, che respirate questa aria non vi potete rendere conto, ma avete questa invidiabile caratteristica che si avverte immediatamente.

 

Come è stato accolto dalla città nel suo insieme come temibile comandante o come Ufficiale Funzionario dello Stato Italiano al servizio della collettività?

 

Generalmente uno viene accolto come si presenta. Non esiste piu’ la FINANZA da interpretare come avanguardia di sadismo fatto con verbali e gusto di applicare sanzioni ad ogni punto e virgola scritti malamente.

Noi siamo servitori dello Stato…e lo Stato mi dica lei chi è? Un famoso  Re di Francia era solito ricordare “ lo Stato sono io”, ma in una democrazia lo Stato appartiene al cittadino.

Per completezza di informazione devo aggiungere che mi ritengo soddisfatto anche dei rapporti istituzionali con le altre

Forze di polizia .

 

Crede quindi che si sia un rapporto costruttivo e positivo tra città e guardia di Finanza o teme anche una possibilità di freddezza di rapporti?

 

Ho trovato tanto rapporto di collaborazione tra citta’ e Guardia di Finanza e  credo non mi sara’ difficile mantenerlo. Sento questo come un patrimonio che ho trovato e che quindi non va disperso o vanificato. Sarebbe una passo indietro che imputerei a mia responsabilità. Una macchia sul mio operato che, al di là del mio orgoglio a me molto caro, non ho nessuna intenzione di procurarmi. Il rapporto con la città di Modena dovrà essere sempre più solare.

 

Ai modenesi cosa raccomanda o consiglia per il 2007 ?

 

Più che un consiglio mi sento di trasmettere una raccomandazione: ai Modenesi dico una cosa semplice: rimanete semplicemente voi stessi, non cambiate mai  …e questo non solo per il 2007 ma anche per gli anni a venire

     
                          ATTIVITÀ A TUTELA DELLA FINANZA PUBBLICA
 
Settore Entrate
 
Il contrasto all’evasione fiscale continua, naturalmente, ad essere la principale missione istituzionale del Corpo sia in termini di risorse umane dedicate che di risultati conseguiti.
 
Le modalità operative adottate si sono incentrate soprattutto sull’utilizzo delle verifiche parziali, consentendo così di privilegiare moduli ispettivi di maggiore snellezza e flessibilità. Nel corso del corrente anno sono state portate a termine – 598 ispezioni fiscali e oltre 4.300 controlli strumentali ovvero di cui 2.224 in materia di scontrini / ricevute fiscali  2.106 relativi all’emissione del documento di trasporto dei beni viaggianti (d.d.t.).
 
L’attenzione dei Reparti si è incentrata su quei soggetti intorno ai quali, anche sulla base di specifica attività d’intelligence, sono emersi indizi di sospetta evasione tributaria.
 
Gli elementi positivi di reddito non dichiarati (ricavi) e quelli negativi non deducibili (costi) recuperati a tassazione superano complessivamente i 157 milioni di euro mentre sono state constatate violazioni all’I.V.A. per oltre 83 milioni di euro.
 
Tali obiettivi sono stati raggiunti anche attraverso la scoperta della cosiddetta “economia sommersa”, che ha consentito di individuare 62 evasori completamente sconosciuti al fisco e di portare alla luce (per il recupero a tassazione) oltre 21 milioni di euro di base imponibile e di circa 20 milioni di euro relativi alle violazioni in materia di I.V.A..
 
Un altro essenziale filone operativo è stato rappresentato dalla lotta al lavoro “nero” che ha permesso di individuare 226 lavoratori irregolari, di cui 198 totalmente sconosciuti agli enti previdenziali ed assistenziali. I settori interessati sono per lo più l’edilizia e la ristorazione.
 
Sempre nel settore tributario sono stati effettuati nr. 79 interventi nei confronti di soggetti beneficiari di prestazioni agevolate, riscontrando inde
bite percezioni riguardanti in particolar modo il fondo sostegno affitti, i contributi per figli minori e gli assegni di maternità.
 
Settore Uscite
 
In tale contesto, quale Polizia Comunitaria a tutela delle uscite, sono state monitorate tutte le imprese operanti in materia di aiuti all’agricoltura, fondi strutturali e incentivi alle attività produttive, tutelando sia le risorse a carico dell’Unione Europea che quelle che gravano, a titolo di cofinanziamento, sui bilanci dello Stato, delle Regioni e degli Enti locali.
 
Sempre nel settore della spesa pubblica, sono stati effettuati nr. 99 controlli nei confronti di soggetti che hanno autocertificato l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario, dei quali ben 6 sono risultati irregolari.
 
ATTIVITÀ A TUTELA DELL’ECONOMIA
 
Tutela del Mercato e dei Consumatori
 
Un altro settore della polizia economica cui è stato dedicato un rilevante numero di risorse è quello del contrasto alla contraffazione dei marchi e della pirateria audiovisiva. In merito, si riportano i risultati conseguiti:
 
      nel settore della contraffazione marchi:
nr. 23 soggetti denunciati;
ed il sequestro di:
oltre 58.500 tra capi, accessori e marchi di abbigliamento;
2 autovetture da formula 1 tipo F2003 G.A.;
oltre 4.100 oggettistica natalizia;
 
 
      nel settore della pirateria audiovisiva:
nr. 6 soggetti denunciati,
ed il sequestro di:
oltre 2.700 tra compact disk e DVD;
oltre 398000 di files audio-video (mp3, etc….);
286 tra personale e mini computer.
 
LOTTA AL TRAFFICO DEGLI STUPEFACENTI
 
Passando, ora, alla lotta al traffico illegale di sostanze stupefacenti, sono state verbalizzate complessivamente 38 persone, di cui 18 in stato di arresto, 3 denunciate a piede libero e Sono state sequestrati oltre  98,5 Kg. di droghe del tipo hashish e marijuana nonché quasi 1,0 Kg. di cocaina.
 
Nel settore del contrasto allo spaccio e uso di sostanze stupefacenti, rileva segnalare che sono iniziati alcuni servizi – con l’ausilio delle unità cinofile – nei pressi degli Istituti scolastici superiori della città di Modena e della provincia.
 
Tale attività ha un effetto sicuramente deterrente con riguardo al consumo di droghe da parte dei giovani studenti con la scoperta di eventuali spacciatori nei pressi degli istituti scolastici stessi.
 
 
SERVIZIO DI PUBBLICA UTILITA’ “117”
 
In tale servizio fino al 18 dicembre  sono state impiegate complessivamente 1.079 pattuglie.
 
Rileva segnalare che nel corrente anno sono aumentate, in percentuale, rispetto allo scorso anno, le telefonate in cui l’interlocutore ha fornito le proprie generalità.
 (72% sul totale delle chiamate rispetto al 57% del 2005).
 
 
SERVIZIO DEI “BASCHI VERDI”
 
Anche per il corrente anno, i militari AT.PI (Anti Terrorismo – Pronto Impiego) sono stati impiegati, oltre che nel controllo del territorio, anche nei servizi di ordine pubblico predisposti in occasione delle manifestazioni ed eventi vari, non solo in ambito provinciale ma anche a livello nazionale.
 
 
AZIONI DI CONTRASTO AL FENOMENO DELLA PENETRAZIONE ECONOMICA DI ETNIA CINESE IN ITALIA:
 
In armonia con le priorità della politica economica attuata dall’Autorità di Governo, limitatamente alla lotta dell’evasione fiscale e dell’economia sommersa, particolare attenzione è stata posta  al crescente fenomeno di penetrazione economica,  anche nella provincia modenese, della comunità di etnia cinese.
 
Tale infiltrazione, invero, è riscontrabile in molteplici forme, sia con riferimento all’acquisizione e successiva conduzione di attività economiche legali (principalmente nel settore manifatturiero, del commercio al dettaglio ed all’ingrosso, della ristorazione) sia rispetto all’attuazione di condotte illecite connesse alla produzione e commercializzazione di beni con marchi contraffatti, o illecitamente duplicati, ovvero introdotti in contrabbando nel territorio nazionale, ovvero ancora non conformi agli standard di sicurezza imposti dalla vigente normativa comunitaria.
 
In entrambi i casi, tanto l’attività di carattere lecito quanto quelle di matrice illegale sono spesso collegate a rilevanti flussi migratori clandestini, destinati ad alimentare la manodopera “in nero” e/o “irregolare”.
 
In merito, si riportano i risultati conseguiti:
 

Imprese di cittadini cinesi:  
Nr. controllate 119
verificate 12
     
Violazioni amministrative constatate:  
II.DD. el. positivi di reddito € 16.968.346,13
el. negativi di reddito € 6.746.972,12
ricavi non contabilizzati € 805.527,00
ritenute d’acconto € 0,00
I.V.A. relativa € 4.240.284,08
dovuta € 2.269.062,36
non versata € 245.527,74
     
Immigrazione cinese clandestina:  
privi di permesso di soggiorno 3
fotosegnalati per provv.ti esplusione 3
lavoratori clandestini individuati 3
     
Controlli in materia di scontrini e ricevute fiscali:  
Regolari 3
Irregolari (mancata emissione) 116
Segnalazione per chiusura attività (art. 12 D.Lgs. 471/97) 1

 
INIZIATIVE PROMOSSE:
 
Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Modena, nella corrente annualità ha intrapreso delle iniziative utili ai fini del servizio e del coordinamento tra gli Uffici pubblici e per una migliore strategia di comunicazione nei confronti della opinione pubblica grazie agli organi di stampa, in particolare, al fine del coordinamento dei controlli sostanziali, della posizione reddituale e patrimoniale dei nuclei familiari dei soggetti beneficiari di prestazioni sociali agevolate:
 
Ø       in data 14 luglio 2006 è  stato perfezionato il Protocollo d’Intesa con il Comune di Modena e con l’Agenzia delle Entrate di Modena;
 
Ø       in data 15 settembre 2006 è  stato perfezionato il Protocollo d’Intesa con il Comune di Carpi;
 
altri contatti sono in corso, per la sottoscrizione di analoghi atti, con l’Unione dei Comuni Modenesi dell’area Nord, nonché con quelli del distretto ceramico e con altri comuni della provincia.
 
Inoltre, in  data  28 ottobre 2006 il Comando Provinciale di Modena ha contribuito all’ottima riuscita dell’evento di beneficenza Fiamme gialle per la Vita , presentato daEzio Greggio al PalaPanini di Modena, organizzato e realizzato dal Comando Regionale “Emilia-Romagna” della Guardia di Finanza di concerto con il Comune di Modena – Assessorato allo Sport.
I fondi raccolti attraverso la vendita dei biglietti sosterranno le encomiabili iniziative di solidarietà promosse dalle seguenti Associazioni senza scopo di lucro:
 
Ø       Associazione Ezio Greggio per l’aiuto ai bimbi nati prematuri. Con il ricavato sarà acquistato un macchinario necessario al Reparto di Neonatologia del Policlinico di Modena;
 
Ø       Associazione “G.P. Vecchi” di Modena, per l’assistenza alle persone colpite dal morbo di Alzheimer ;
 
Ø       Opera Federativa Trasporto malati a Lourdes.
 
In data 19 dicembre 2006,si è svolta la cerimonia di consegna del citato macchinario al Prof. Fabrizio Ferrari, Direttore del Dipartimento di Neonatologia del Policlinico di Modena e dei contributi in denaro alle Benemerite Associazioni sopra richiamate.
 
 
* Le linee sulle quali si è sviluppata l’azione della Guardia di Finanza sono state quelle indicate dal Ministro dell’Economia e delle Finanze attraverso la “Direttiva annuale sull’azione amministrativa e sulla gestione”.
Anche per il corrente anno sono state proseguite le attività a tutela della finanza pubblica (cioè del bilancio dell’Unione Europea, dello Stato e degli Enti locali) e a tutela dell’economia (ossia del mercato dei capitali e di quello dei servizi).
 
 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...