Gualmini-Mori “Occupazione femminile, dati drammatici”

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Nota dell’europarlamentare Pd Gualmini e della consigliera regionale Pd Mori

 

Elisabetta Gualmini ‘In 3 mesi persi 22 mila posti di lavoro per le donne in Emilia-Romagna. Il Parlamento europeo al lavoro sulla parità salariale; gli stati recepiscano la convenzione di Istanbul’. Roberta Mori ‘L’Europa nella direzione auspicata, ora necessario il women new deal’.

 

‘I dati che stanno emergendo sull’impatto sociale del Covid-19 in Emilia-Romagna confermano che le donne sono, in modo drammatico, le più penalizzate da questa crisi: da marzo a maggio nella nostra regione si registrano infatti 22 mila contratti di lavoro dipendente in meno per le donne, quasi il 57% del totale complessivo dei posti persi. E’ evidente che l’impattato su commercio, alberghi, turismo e in generale sui servizi riguarda soprattutto sulle donne’. Elisabetta Gualmini, parlamentare europea del Partito democratico, interviene sui dati relativi all’andamento dell’occupazione femminile in Emilia-Romagna, nel giorno dell’approvazione in Parlamento Europeo della relazione sulla ‘Gender Equality’ – di cui è relatrice per il gruppo S&D – che accompagnerà la strategia europea sull’uguaglianza di genere per i prossimi cinque anni. ‘In Europa stiamo lavorando perché l’uguaglianza di genere sia realizzata attraverso misure concrete – continua Gualmini – come la parità salariale uomo-donna, il riconoscimento dell’enorme lavoro di cura informale svolto dalle donne, maggiori servizi per la conciliazione vita-lavoro e il recepimento immediato della convenzione di Istanbul sulla violenza sulle donne. La nuova strategia europea sull’uguaglianza di genere è ambiziosa e lancia un nuovo piano di azione perché le donne siano messe al centro dell’agenda politica anche a livello nazionale e locale’. Tra i dati più rilevanti sull’occupazione femminile in Emilia-Romagna, emerge come nel primo trimestre di quest’anno la riduzione dell’occupazione interessi solo ed esclusivamente le donne – con oltre 7 mila occupate in meno a livello regionale – mentre l’occupazione maschile risulta in leggero aumento. Infine, sulle richieste di cassa integrazione in deroga presentate al 30 giugno 2020, a livello regionale oltre il 60 % – cioè 66 mila dei 109.127 lavoratori interessati dalle domande finora autorizzate – è rappresentata da donne. ‘Il lavoro che si sta realizzando in Europa sull’uguaglianza di genere va nella direzione auspicata e su cui anche la nostra regione sta lavorando da tempo in attuazione della convenzione di Istanbul – afferma Roberta Mori, consigliera regionale e componente della Direzione nazionale del Partito democratico. Oltre all’impatto occupazionale, va ricordato il persistere degli stereotipi, delle discriminazioni e delle violenze di genere, la disparità di trattamento delle donne nella sanità o la scarsa rappresentanza femminile nei luoghi decisionali. Bisogna avere un approccio integrato sulla questione di genere, un vero e proprio women new deal: la ripartenza post-Covid può essere l’occasione, anche per la Regione, per rafforzare ulteriormente le proprie politiche in questo settore’.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un