Grazie alla solidarietà i bimbi stranieri tornano in mensa

Condividi su i tuoi canali:

Nella vicenda i Lodi, benchè a sproposito, sono volate ingiurie, in particolare al destinatario ideale, Matteo Salvini che, alla collezione di insulti ricevuti, può aggiungere anche quello di affamatore di bambini. Ma, prima o poi, a qualcuno verrà voglia di ""calare l'asso"" e parlare del latte gettato sui binari, affinchè non potessero berlo i bambini che, sul ""Treno della vergogna"" viaggiavano da Ancona a Bologna, esuli istriani ormai senza più nulla, scacciati dalle loro case, debilitati da fame e stenti. 

 


La limitata  disponibilità di risorse impone  una selezione  fra le persone da aiutare, optando, come è logico, per coloro i quali sono realmente nelle condizioni più disagiate. Il  Regolamento comunale per le prestazioni sociali agevolate, approvato dall’amministrazione di Lodi, prevede per  tutti i cittadini  che “ai fini dell’accoglimento della domanda” che vengano considerati “anche i redditi ed i beni immobili o mobili registrati disciplinati dall’articolo 816 del Codice civile, posseduti all’estero e non dichiarati in Italia”. Inoltre, “i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione europea devono produrre la certificazione rilasciata dalla competente autorità dello Stato d’origine.“”

L’effetto è stato dirompente, le famiglie straniere non presentano i documenti, le domande  di agevolazioni e accesso agli aiuti  non possono essere accolte, i costi della mensa dei bambini diventano alti, un peso per queste famiglie notoriamente prolifiche. Il Coordinamento Uguali Doveri è stato  costituito a Lodi per protestare contro il regolamento del Comune che applicando anche alle famiglie straniere la stessa normativa applicata agli italiani, impedisce  a circa 200 bambini stranieri di usufruire della mensa scolastica perché i genitori non presentano i documenti necessari alla riduzione della retta e non sono in condizione di pagare la retta per intero.
Fra tanto buio, una grande luce: con la raccolta fondi avviata dal Coordinamento Uguali Doveri  per coprire le differenze di prezzo  in poche ore sono stati raccolti 60.000  euro, un grande risultato, che garantisce  ai piccoli  l’accesso alla mensa e al trasporto.

I cittadini sono, di fronte alla legge, tutti uguali, nei diritti e nei doveri. Nessuno deve essere trattato in modo diverso, nessuno può accampare diritti che non gli spettano nè altri possono essere trascurati in ciò che è loro dovuto per legge.

Aver applicano ai figli degli stranieri le stesse regole applicate ai figli degli italiani, per di più da un Sindaco della Lega, è stato descritto come  atto di discriminazione, un atto di razzismo.
Si sono dette tante parole sui bambini che hanno ogni diritto, indipendentemente dalla burocrazia; e, come accade sempre, sono volate tante ingiurie, di fatto  dirottate in particolare  al premier Matteo Salvini che, alla collezione  di insulti ricevuti, può aggiungere anche  quello di affamatore di bambini. Se c’è un’immagine che strazia, sono i bambini affamati. E se c’è un’ingiustizia intollerabile, è farli soffrire. Siamo in Italia, tutto si risolverà, basterà l’autocertificazione presentata dagli stranieri e potranno come prima accedere ai benefici e alle agevolazioni. Però forse chi lancia  accuse così infamanti , di insensibilità e crudeltà, si aspetti che, prima  o poi a qualcuno venga voglia di “”calare l’asso”” e parlare del latte gettato sui binari, affinchè non potessero berlo i bambini italiani che, sul “”Treno della vergogna”” viaggiavano da Ancona a Bologna, esuli istriani ormai senza più nulla, scacciati dalle loro case. Quella fu l’accoglienza dei loro connazionali.

Per chi volesse approfondire, allego

https://it.wikipedia.org/wiki/Treno_della_vergognaIl treno della vergogna arriva a Bologna

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Come di consueto, qui di seguito presento brevemente il numero on line da oggi. I titoli in grassetto portano direttamente ai relativi pezzi. Questo per consentire anche a chi ha poco tempo, di poter sfogliare più facilmente il giornale.

Calare l’asso

di A.D.Z.

Siamo una nazione senza dignità

di Massimo Nardi

I grillini non smettono di stupirci. Censurato lo spot dedicato all’esercito. Ma in che mani siamo? Allegria ritorna Dibba, ci sarà da ridere.

Entrare noi? Aspettiamo che usciate voi e intanto piagnucoliamo un po’

di Alberto Venturi

Nessuno sa chi viva nell’edificio, non esiste un censimento, all’epoca di Alemanno il palazzo era stato stranamente dimenticato nella mappatura dei locali occupati abusivamente.

L’onestà intellettuale di Diego Fusaro

di Paolo Danieli

Non  ha peli sulla lingua e quando parla dell’Europa, dello spread, delle agenzie di rating, della crisi, delle nuove povertà, del debito pubblico e di altre questioni che ingombrano l’agenda politica lo fa andando al cuore dei problemi, senza auto-censure, con un’onestà intellettuale che spiazza i reggicoda del mainstream mediatico.

Aspettando il downgrade

di Eugenio Benetazzo

Stiamo parlando dell’Italia. In buona sostanza siamo innanzi ad un baratro finanziario, basta veramente poco per creare il peggior incubo per chi detiene risparmi sotto forma liquida e depositi bancari a prima vista.

 

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 627-311.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire