Grave non credere nella meritocrazia per ministro del lavoro

Condividi su i tuoi canali:

None

Poletti. Dell’Orco (M5S): Grave non credere nella meritocrazia per ministro del lavoro

 

“La gaffe del ministro indica che non crede nella meritocrazia, cosa gravissima per il ruolo che ricopre. Andasse Poletti a giocare a calcetto insieme agli amici del Pd, piuttosto che combinare disastri. Prima esulta per i giovani che emigrano, poi li invita ad andare sui campi di calcetto. Dopo aver distrutto l’art 18 e creato un dannoso Job Act che ha ottenuto ZERO risultati, ora sfotte pure la meritocrazia. Si deve dimettere da ministro del lavoro!” Commenta così Michele Dell’Orco, deputato emiliano M5S, le parole pronunciate ieri dal ministro Poletti quando, in un incontro con gli studenti dell’istituto Manfredi Tanari di Bologna, ha dichiarato che per trovare lavoro è meglio giocare a calcetto che inviare un curriculum.

 

Continua il deputato: “Inorridisco all’idea che la mia regione, una terra da sempre laboriosa e solidale, abbia partorito e cresciuto questo personaggio imbarazzante che da presidente Legacoop di Imola è diventato Presidente della Legacoop Nazionale ed è poi stato inviato a Roma ad incontrare Buzzi prima di diventare ministro. Chissà a quante partite di calcetto avrà partecipato per sedere sulla poltrona di ministro!”

 

“Mi aspetto –conclude Dell’Orco- che  tutti i parlamentari emiliano-romagnoli abbiano un sussulto e prendano le distanze dal ministro Poletti”.

 

——–

Michele Dell’Orco

Cittadino Deputato

Movimento 5 Stelle

 

sito internet: http://www.micheledellorco.it
twitter: https://twitter.com/dellorco85
fb:  https://www.facebook.com/pages/Michele-DellOrco/124408587628677
youtube: https://www.youtube.com/user/Pierrotten/videos

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo