Grandi Opere. Dell?Orco (M5S) lancia nuovo appello al PD

Condividi su i tuoi canali:

None

Grandi Opere. Dell’Orco (M5S) lancia nuovo appello al PD: “Firmate nostra risoluzione per lo stop alla Cispadana”
Nuove indagini richiedono un ripensamento dell’affidamento

“Torno a chiedere ai parlamentari del PDdi firmare la nostra risoluzione per bloccare la Cispadana” lo afferma MicheleDell’Orco, deputato emiliano M5S della Commissione Trasporti, alla luce dell’operazione Sistemache ha visto i carabinieri del Ros procedere quest’oggiAggiungi un appuntamento per oggi a  4 arresti cautelari, 41 informazioni di garanzia e 100 perquisizioni per corruzione, induzione indebita, turbata liberta’ degli incanti e gestione illecita degli appalti delle “”Grandi opere“”, mediante un articolato sistema corruttivo che coinvolgeva dirigenti pubblici, societa’ aggiudicatarie degli appalti ed imprese esecutrici dei lavori.

  Spiega Dell’Orco: “Sta accadendo proprioquello che avevamo già previsto: le indagini partite dall’inchiesta TAV di Firenze  e dal ruolo di Ercole Incalza, ex Capo Struttura tecnica di Missione al Ministero dei Trasporti, si sarebbero allargate a 25 miliardi di appalti nelle grandi opere e oggiAggiungi un appuntamento per oggi sono scattate perquisizioni anche negli uffici di Autostrada Regionale Cispadana (Arc) perché le indagini sembrerebbero documentare gli stretti rapporti tra quest’ultimo e l’ingegnere Stefano Perotti, figura centrale dell’indagine, responsabile della societa’ Ingegneria SPM, a cui sono stati affidati incarichi di direzione lavori per la realizzazione di diverse “”Grandi Opere””, ferroviarie ed autostradali tra le quali figurerebbeanche la tratta autostradale Reggiolo Rolo – Ferrara.

  “Finalmente si inizia a fare chiarezzanell’ambito degli appalti per le cosiddette grandi opere, mi auguro che ci sia ampia collaborazione da parte di tutti i soggetti pubblici e dalle società coinvolte ma soprattutto mi auguro che i parlamentari del PD emiliano Baruffi,Ghizzoni e Vaccari smettano di far finta di non vedere, altrimenti –conclude Dell’Orco- dobbiamo iniziare a pensare che siano in malafede”. 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per