Gli occhi della Gioconda

Condividi su i tuoi canali:

Con Alberto Angela, record di presenze e di calorosi applausi al “Forum Monzani” di Modena, per la presentazione del libro “Gli occhi della Gioconda. Il genio di Leonardo raccontato da Monna Lisa”

Galleria d’immagini a cura del fotografo Corrado Corradi 


Domenica 11 dicembre 2016, con Alberto Angela, si è concluso “in bellezza” il ciclo di incontri con l’autore 2016 ,voluto ed organizzato da “BPER Banca”, presso il “Forum Monzani” di Modena. Oltre 1.500 i presenti, distribuiti anche nei corridoi, nelle sale e salette ( l’Auditorium del “Forum Monzani” ha una ricettività di 830 posti), hanno assistito alla bellissima, coinvolgente “lectio magistralis” (di 90 minuti) di Alberto Angela su “Gli occhi della Gioconda. Il genio di Leonardo raccontato da Monna Lisa” , il suo ultimo libro, appena pubblicato da “Rizzoli Editore”. I presenti erano soprattutto donne (80% dei presenti) a conferma che alle manifestazioni culturali (così come negli indici di lettura) sono soprattutto interessate e presenti le donne ( che, parafrasando l’ultimo libro di  Aldo Cazzullo “erediteranno la terra”).  Spettacolo nello spettacolo, la proiezione di immagini a colori a supporto della coinvolgente conversazione-presentazione di Alberto Angela: è stata una vera e propria lezione, un “excursus” sulla storia dell’arte, soprattutto del Rinascimento, dove accanto a Leonardo sono stati co-protagonisti artisti come Sandro Botticelli, Michelangelo Buonarroti, Domenico Ghirlandaio e Andrea  del Verrocchio (che è stato il maestro del giovanissimo Leonardo, che si è formato nella sua “bottega” ) . L’excursus si è allargato fino ai giorni nostri con i riferimenti, le analogie-affinità e le “dipendenze” di artisti contemporanei con e da Leonardo: artisti come Basquiat, Corot, Dalì, Duchamp, Leger, Magritte, Malevic, Rauchenberg, Warhol. Altro spettacolo nello spettacolo, la lunga fila (ordinata e bene organizzata, anche grazie alla grande professionalità –e pazienza- del personale in servizio presso il “Forum Monzani, la coordinatrice Francesca Fiorini , in primis) , il “biscione” di modenesi (e non solo) in fila, alla fine, per fare firmare (e strappare anche tanti “selfie” con l’autore Alberto Angela, sempre gentile e disponibile. Ha dedicato copie e si è reso disponibile per fare foto con i presenti dalle ore 19,25 alle 23,05. Poi è partito, in auto, per Milano ) copie del libro “Gli occhi della Gioconda”. Il rituale del “firmacopie” è stato interpretato-rappresentato da oltre 500 persone (soprattutto giovani donne) che, giustamente, hanno pensato di regalarsi e regalare , per le prossime festività natalizie, un libro d’autore, personalizzato dalla dedica e dalla firma di Alberto Angela, che, in questi giorni, ha raggiunto l’apice della popolarità: Roma è invasa da manifesti che lo riprendono con il libro “Gli occhi della Gioconda”, due emittenti televisive nazionali (e, sulla loro scia, molti giornali, quotidiani soprattutto) hanno decretato che Alberto Angela è “l’uomo più sexy dei nostri tempi” e, altri mass media hanno svolto un’indagine motivazionale con interviste a decine di italiani sul grado di stima-affidabilità e gradimento di Alberto Angela come nuovo Presidente del Consiglio. Il bello è che il 70% degli intervistati si è augurato che la scelta del Presidente Mattarella cada proprio sul nostro bravissimo, convincente comunicatore e divulgatore culturale. Segno (per fortuna) che la cultura è ancora “vista” come componente vincente nel nostro Paese, sulla quale investire per l’oggi e per il futuro. Ce lo auguriamo, così come AUGURIAMO AI LETTORI del settimanale “DABICESIDICE” liete festività natalizie e un 2017 all’insegna della salute, della serenità, con tutti i successi e le soddisfazioni che ciascuno dei nostri lettori desidera e merita.                       

*****

Gli organizzatori della rassegna “Più libri, più liberi”, che si è appena conclusa a Roma, nel denunciare la carenza di librerie -13 milioni di persone vivono in comuni italiani, senza una libreria- , sottolineano che donare  un libro  rappresenta un investimento che gratifica chi lo regala e chi lo riceve, un dono che arricchisce e dura nel tempo. Costa poco e fa ricordare positivamente, chi lo regala. 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa