Giustizia per i pensionati: La Corte Costituzionale obbliga il governo a restituire ai pensionati gli importi sottratti dal governo Monti/Fornero

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Al Presidente del

Consiglio Comunale di Modena

Al Sindaco del Comune di Modena

 

ORDINE DEL GIORNO

 

OGGETTO:  Giustizia per i pensionati: La Corte Costituzionale obbliga il governo a restituire ai pensionati gli importi sottratti dal governo Monti/Fornero

 

Premesso che:

  • La Corte Costituzionale con la sentenza n. 70/2015 ha abrogato l’art. 24, comma 25 del D.L.  n.201/2011, il quale recita:

“   Per le pensioni di importo superiore a tre volte il trattamento minimo Inps e inferiore a tale limite, incrementato della quota di rivalutazione automatica spettante ai sensi del presente comma, l’aumento di rivalutazione è comunque attribuito fino a concorrenza del predetto limite maggiorato”.

La sentenza  obbliga il governo a restituire il mancato adeguamento all’inflazione a chi percepisce una pensione superiore tre volte superiore al minimo INPS ( circa 1.500 euro lordi al mese), per gli anni 2012 e 2013.

  • L’inflazione è stata rispettivamente dell’1,2 per cento nel 2012 e del 3 per cento nel 2013.
  • Nel 2014 e nel 2015 le pensioni sono tornate ad essere adeguate all’inflazione, ma vista la sentenza della corte ora andrebbero ulteriormente aumentate per via degli incrementi avvenuti nei due anni precedenti.

 

Considerato che :

  • il governo Renzi ha previsto la parziale restituzione di quanto è stato tolto ai pensionati . Si tratta di una forma di “”bonus”” una tantum. La platea definita dall’esecutivo esclude “”circa 650mila pensionati”” di quelli che teoricamente potevano accedere al rimborso, in particolare “”quelli sopra i 3mila e 200 euro lordi di pensione”” al mese.
  • Il meccanismo di rimborso e indicizzazione prevede un ‘impianto a scalare con il crescere del reddito pensionistico. In particolare Renzi ha dichiarato che  il bonus ‘una tantum’ sarà di 750 euro per i pensionati con assegni da 1.700 euro lordi, di 450 euro per quelli da 2.200 euro, infine di 278 euro per quelli da 2.700 euro. Renzi ha spiegato che le stesse fasce sono poi oggetto di una re-indicizzazione dal 2016, anche in questo caso con livelli differenziati. Al rimborso, cioè, si sommano incrementi permanenti degli assegni, che a questo punto vengono rivalutati in base al costo della vita. “”Chi prende una pensione di 1.700 euro lordi avrà una rivalutazione di 180 euro all’anno. Chi prende 2.200 euro avrà una rivalutazione di 99 euro. Per chi prende 2.700 euro di pensione, sarà di 60 euro l’anno””,
  • Il  segretario del  Partito dei Pensionati, ha dichiarato che il decreto legge di Renzi non è  in linea né con lo spirito, né con i contenuti della sentenza,  e che l’unica risposta da dare al governo è un ricorso di massa; “”se qualche pensionato interessato farà ricorso al giudice otterrà il riconoscimento del diritto ad avere un rimborso integrale“,  ha dichiarato Antonio Baldassarre, presidente emerito della Corte Costituzionale, ponendo più di un dubbio di costituzionalità . “La Corte ha annullato la legge che costituiva il titolo giustificativo dei contributi versati negli anni passati. E una legge attuale non può regolare retroattivamente la materia fiscale. … in caso di ricorso o i giudici danno ragione direttamente ai ricorrenti o sollevano di nuovo la questione di fronte alla Corte Costituzionale“.

 

Il consiglio comunale di Modena, auspica un totale ripensamento del Governo e

 

Impegna  il sindaco

  • a farsi promotore presso l’Anci di una  richiesta al governo per la totale attuazione di quanto previsto dalla sentenza n.70/2015, a difesa dei cittadini non solo della sua città ma anche di tutti i comuni d’Italia ;
  • a chiedere direttamente al  Presidente del consiglio dei ministri Matteo Renzi, di modificare la normativa, tramite sempre  lo strumento del Decreto legge, modificando inoltre,  con emendamento, il Def , così che siano ripristinati i diritti costituzionali di circa 5 milioni di italiani.

I  consiglieri di Forza Italia

Morandi Adolfo

Andrea Galli

Giuseppe Pellacani

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

24 aprile Giornata Mondiale della Sicurezza

Ifoa accende il dibattito nazionale sulle “morti bianche” con Cesare Damiano e gli esperti del settore  Reggio Emilia, 22 aprile 2024 – In occasione della Giornata Mondiale

Convocazione Consiglio Comunale

Martedì 23 aprile, ore 19.00 Il presidente Alessandro Reginato ha convocato il prossimo Consiglio Comunale di Fiorano Modenese per martedì 23 aprile 2024, ore 19.00,