GIORNO DELLA MEMORIA, FOTO DI SANDER ESPOSTA ALLA DELFINI

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Il 27 gennaio in mostra in biblioteca un’opera dalla collezione della Galleria Civica legata alle persecuzioni e discriminazioni naziste, in adesione al progetto “La Shoah dell’arte”

La fotografia del 1926 “Pittore (Anton Räderscheidt)”, dell’artista tedesco August Sander, opera che appartiene alle collezioni della Galleria Civica di Modena, sarà esposta dalle 9 alle 20 di martedì 27 gennaio, Giorno della Memoria, nella Biblioteca Delfini a Palazzo Santa Margherita, in corso Canalgrande 103.

Con questa iniziativa i due istituti culturali modenesi aderiscono, insieme a numerosi altri musei italiani, al progetto “La Shoah dell’arte” dell’associazione Ecad (Ebraismo culture arti drammatiche), che prevede che nel corso di tale giorno venga esposta e valorizzata un’opera presente nelle collezioni del museo, legata alle drammatiche persecuzioni naziste contro la cosiddetta “arte degenerata” e alle discriminazioni politiche e razziali perpetrate dal regime hitleriano.

August Sander (Herdorf, 1876 – Colonia, 1964) è stato uno dei più importanti fotografi del Novecento, la cui influenza sulle generazioni successive perdura ancora oggiAggiungi un appuntamento per oggi. Nel corso degli anni Venti concepì e diede avvio a un progetto monumentale dal titolo “Menschen des 20. Jahrhunderts” (Uomini del XX Secolo): un affresco della società tedesca dell’epoca attraverso migliaia di ritratti, suddivisi per classi sociali e da realizzare secondo i criteri dell’oggettività documentaria. A causa delle implicazioni politiche e filosofiche connesse al suo lavoro, Sander entrò in conflitto con il regime nazista, che nel 1936 sequestrò tutte le copie del suo libro “Il volto del tempo” e distrusse numerose lastre di negativi. Altre migliaia di negativi andarono persi nel 1944 durante il bombardamento alleato di Colonia, in cui fu colpito anche il suo studio. La persecuzione nazista si abbatté anche sul figlio Erich: membro del Partito Socialista dei Lavoratori, nel 1934 fu arrestato e condannato al carcere, dove morì 10 anni dopo.

La fotografia esposta alla Delfini, una delle opere più celebri di August Sander, è il ritratto del pittore Anton Räderscheidt, eseguito nel 1926. Nato a Colonia nel 1892, Räderscheidt frequentò i gruppi di artisti più sovversivi del proprio tempo e a metà degli anni Venti aderì al movimento della “Nuova Oggettività”. All’avvento del nazismo fu costretto a rifugiarsi a Parigi, e le sue opere furono sequestrate e in gran parte distrutte dal regime come “arte degenerata”. Dopo l’occupazione della Francia, fuggì in Svizzera e poté ritornare in Germania solo nel 1950.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.