GIORNO DEL RICORDO, GOLINELLI ”SUPERARE L’ASTIO POLITICO NEL RISPETTO DI CHI SUBI’ OGNI TIPO DI VIOLENZA E PERSE TUTTO”Presente alla commemorazione del Giorno del Ricordo, il Consigliere Lega mirandolese Guglielmo Golinelli dichiara quanto segue:

Condividi su i tuoi canali:

L’assenza di qualsiasi rappresentanza consigliare PD alle commemorazioni per il “Giorno del Ricordo” ci rattrista ma non stupisce. Fa rumore invece che CGIL e ANPI, che hanno scelto di strumentalizzare un’iniziativa storico divulgativa, oggi abbiano completamente marcato visita, certificando la loro distanza e lo sprezzante rigetto nei confronti delle vittime innocenti, esiliate da un territorio martoriato anche nel post guerra. Ringrazio il Sindaco e l’Amministrazione per non aver prestato ascolto ai violenti attacchi intimidatori di CGIL, Anpi e del Partito Democratico stesso, ed anzi aver onorato al meglio questa giornata, dedicando anche un pensiero a Norma Cossetto.

Proprio la CGIL, a Bologna, si macchiò di un gesto intriso di odio: presso la stazione i vagoni, che ospitavano migliaia di esuli in fuga dall’Istria e dalla Dalmazia alla ricerca di rifocillamento, vennero presi a sassate e costretti ad un ulteriore fuga. Un gesto vile ed intriso di odio, passato alla storia con l’esemplificativo appellativo di “Treno della Vergogna”. Basterebbe questo unico esempio per rispedire al mittente tutte le sconclusionate invettive ed il contestuale tentativo di impartire lezioni di divulgazione storica: quella CGIl che, dopo aver gettato (letteralmente) il sasso, ha ritratto vigliaccamente la mano tentando, con il silenzio, di celare la diretta partecipazione al martirio ed al vilipendio degli italiani di Istria e Dalmazia.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo