GIORNATA INTERNAZIONE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

Condividi su i tuoi canali:

None

GIORNATA INTERNAZIONE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

Domenica 25 novembre la presentazione del libro sull’omicidio Galiotto

L’Assessore Severi: ‘Il ricordo di Giulia rafforza la nostra battaglia’

 

 

 

Si terrà domenica 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, dalle ore 17, al Teatro Carani di Sassuolo, la presentazione del libro ‘Per non dargliela vinta’, scritto da Giovanna Ferrari, madre di Giulia Galiotto, la donna sassolese barbaramente uccisa dal marito nel febbraio del 2009.

 

L’incontro-dibattito, moderato dal giornalista Fabio Panciroli, vedrà la partecipazione dell’autrice, dell’Assessore alle Pari Opportunità del Comune di Sassuolo, Claudia Severi, e dell’avvocato della famiglia Galiotto, Elisa Vaccari.

 

‘Il ricordo di Giulia e dell’atroce delitto di cui è stata vittima ‘ ha affermato l’Assessore Severi – rafforza e motiva costantemente il nostro impegno quotidiano nel contrasto alla violenza perpetrata sulle donne. Un impegno confermato dal lavoro e dai risultati ottenuti dalla rete di assistenza alle vittime di violenza creata a livello distrettuale, e che ancora una volta ci porta a lanciare un messaggio di sostegno e speranza alle donne discriminate e violentate nella nostra città, nella nostra provincia, nella nostra regione, così come in Paesi lontani, dicendo loro che non sono sole. Vincere la violenza si può e si deve, perché il sacrificio di Giulia e di tante donne uccise dalla violenza non rimanga vano’

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle