Ghost writers

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
""...con distaccato divertimento, noto che le stesse cose, dette da due persone differenti, possono essere criticate e messe in ridicolo, oppure tacitamente accettate…""
art. di A.D.Z.

 

C’è un  commento, lasciato nel GuestBook, un’ultima impressione, di “una lettrice”. L’ho apprezzata molto  proprio perché non mi è favorevole. Anzi è un’aperta critica. Anche se non usa termini scurrili e volgari, non accusa la persona, dandole della razzista, dell’ignorante, della zecca, e tante altre gentilezze che mi è accaduto di leggere, a me indirizzate e che destano il mio divertito disinteresse. La cosa cui mi importa maggiormente rispondere è che  la  notevole quantità di articoli, tutti da prima pagina, dello scorso numero,  mi ha fatto rimandare a questa settimana la pubblicazione dell’articolo di Maria… Per il resto, discorso  molto complesso, tranquillizzo che non ho “ghost writers”  che si occupano di scrivere per me. Se differenze ci sono, sono momentanee e dovute a cause contingenti.

Sempre con  distaccato divertimento, noto che le stesse cose, dette da due persone differenti,  possono essere criticate e messe in ridicolo, oppure tacitamente accettate…E’ il caso delle due altissime autorità morali, che hanno fatto visita nelle scorse  settimane ai terremotati, il Dalai Lama e il Pontefice. Sia Claudio Gibertini, in Pellegrini nei luoghi del dolore sia io, due settimane fa, nel mio articolo, Meglio tardi…abbiamo trattato lo stesso argomento, sulle stesse posizioni.. Per avere credibilità, per arrivare all’anima delle persone, occorre testimoniare con l’operato, liberandolo il più possibile dagli orpelli burocratici e dal cerimoniale. Non riesco ad immaginare qualcosa di più dirompente che un’autorità che si avvale del suo diritto di ignorare impegni precedenti o  il protocollo, privilegiando la carità, l’azione tempestiva, la solidarietà.

Veniamo al numero di questa settimana.

Bice ha colpito nel segno, questo è il titolo dell’articolo di Alex Scardina, frutto di coraggiosa  ricerca nel valutare l’operato degli amministratori locali.

Maria  con Voce dal sen fuggita… parla dell’impossibilità di richiamare qualche imprudente dichiarazione, o sparata che dir si voglia. 

Continua la pubblicazione, in Emergenza terremoto – Informazioni utili , di notizie relative al sisma, con comunicazioni, richieste, iniziative varie, tratte dalla rete, o direttamente comunicate dai lettori. Alla visita del C.O.I.S.P. nelle zone del sisma è dedicato l’articolo Mirandola, anche la Polizia ha bisogno di attenzione!, indispensabile premessa del quale è l’articolo pubblicato in Agorà, Situazione Polizia a Mirandola, con il testo della lettera al Capo della Polizia.

Infine Oggi i lettori di Bice consigliano, rubrica nella quale vengono pubblicate e raccolte le vostre segnalazioni di articoli o foto meritevoli di essere amplificati.

Buona settimana e buona lettura del n. 331

 

A.D.Z.

© Riproduzione Riservata

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12