Ghizzoni “Approvata la legge sul sostegno alle Scienze geologiche”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota della deputata modenese del Pd Manuela Ghizzoni, relatrice del provvedimento

 

La Commissione Cultura della Camera dei deputati, oggi, in sede legislativa, ha approvato all’unanimità in via definitiva la Legge a sostegno della formazione e della ricerca nelle Scienze geologiche, di cui è stata relatrice la deputata modenese Pd Manuela Ghizzoni. “Un provvedimento divenuto di stretta attualità e urgenza – spiega l’on. Ghizzoni – Il nostro è un territorio reso fragile dal dissesto idro-geologico e fortemente sismico. E’ un paradosso che, a fronte di una oggettiva situazione di necessità, siano calati drasticamente il numero di Dipartimenti autonomi di Scienze della Terra, quello dei docenti e quello dei laureati”. Ecco la nota di Manuela Ghizzoni:

 

“Dopo oltre due anni di attesa, è finalmente legge il provvedimento a sostegno della formazione e della ricerca nelle Scienze geologiche, presentato dalla collega Raffaella Mariani, di cui sono stata relatrice alla Camera. Si tratta di misure divenute di stretta attualità e urgenza anche in conseguenza delle calamità naturali che coinvolgono il nostro Paese, da ultimo la serie di terremoti che ha colpito il Centro Italia, e il progredire del dissesto idro-geologico. In una situazione di oggettivo pericolo, da più parti – università e media in primis – è stato rimarcato il paradosso tutto italiano di una necessità sempre più pressante a fronte di una oggettiva diminuzione dell’offerta formativa. Infatti, il blocco del turn over e le disposizioni della legge 240 del 2010 hanno causato un calo drastico nel numero di Dipartimenti di Scienze della Terra, una disciplina specialistica che è stata privata progressivamente dei numeri di docenti necessari a mantenere, secondo i parametri introdotti dalla legga Gelmini, l’autonomia dipartimentale. I Dipartimenti di Scienze della Terra da 29 sono diventati, così, solo 8, con intere regioni, come l’Emilia-Romagna, che non ne hanno più, nonostante il prestigio internazionale raccolto sul campo da studiosi e Facoltà (penso, ad esempio, all’Università di Modena e Reggio Emilia). I docenti sono passati da 1.250 nel 2006 ai poco più di mille attuali. Secondo dati diffusi dal Consiglio nazionale dei geologi, anche i laureati che erano oltre mille l’anno, nei primi anni 2000, sono ora arrivati a quota 500, e questo nonostante, negli ultimi tempi, si sia riscontrato un rinnovato interesse nella materia da parte dei giovani. Quindi, da una parte un territorio fragile e sismico e, dall’altra, il mancato sostegno a una disciplina fondamentale per formare professionisti in grado di garantire un apporto prezioso, di conoscenze e competenze, nella prevenzione e nella tutela dell’ambiente. La nuova legge, composta da tre articoli, prevede incentivi per gli iscritti alle classi di laurea triennale e magistrale inerenti alle Scienze geologiche; risorse per l’acquisto, da parte di università ed enti pubblici di ricerca, di strumentazione tecnica e la realizzazione di specifici progetti; e norme che facilitano la costituzione dei Dipartimenti universitari. Dalla diffusione delle conoscenze delle Scienze geologiche discende la nostra sicurezza e quella dei luoghi della nostra vita”.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...