“Gestione rifiuti, è mancato anche il Piano annuale attività: si è proceduto al buio”

Condividi su i tuoi canali:

“A Modena non risulta presentato alcun Piano Annuale delle Attività nei 60 giorni successivi alla stipula del contratto di gestione rifiuti tra Atersir ed Hera e nemmeno entro il 30 novembre 2022 a valere sull’annualità 2023. Risulta solamente un PAA con indicazione “anno 2023″ senza indicazione di data di presentazione e, soprattutto, non risulta l’approvazione da parte del Direttore di esecuzione del contratto”. A sottolineare l’anomalia con una interrogazione ad hoc è il capogruppo di Fdi Elisa Rossini. 

“La mancanza di tale Piano, esplicitamente previsto dall’Articolo 3 del Disciplinare tecnico, ha determinato l’assenza di programmazione e di chiarezza che ha certamente avuto ripercussioni sulla qualità del servizio e provocato disorientamento nei cittadini. Ricordo anche che il 12 aprile 2023 il Comune di Modena ha inviato ad Atesir ed Hera un elenco dei servizi integrativi da attivare tra i quali ad esempio il potenziamento dello spazzino di quartiere, la raccolta domiciliare carrellato in area di proprietà privata, la fornitura di nottolini con chiave unificata per il servizio di raccolta interna androni, con un incremento dei costi del servizio pari a 1.199.167 euro ai quali il Comune di Modena ha fatto fronte attraverso l’utilizzo di avanzo di bilancio – continua Elisa Rossini -. Ed ora si cambia di nuovo con l’introduzione delle “casette Eco Smarty” e della raccolta notturna con inevitabile nuovo aumento dei costi. E tutto sempre in assenza di un piano come previsto dal contratto. Si procede senza una visione causando irrimediabile degrado in città e continui disagi ai cittadini”.

“Non vi era in realtà alcuna necessità di introdurre un sistema di raccolta differenziata senza l’utilizzo dei cassonetti per alcune tipologie di rifiuto, e l’avere eliminato i “vecchi” cassonetti per sostituirli con le “casette Eco Smarty”, che al di là del nome accattivante sono pur sempre cassonetti, può essere definito a tutti gli effetti un passo indietro rispetto al sistema iniziale ed uno spreco di materiali e risorse economiche. Ci chiediamo a chi convenga tutto questo perché certamente non sono i cittadini a trarne giovamento. E domandiamo anche come sia stato possibile per il gestore e il Comune programmare il servizio di gestione dei rifiuti senza il Piano Annuale delle Attività e come mai il Comune non si decida finalmente a pretendere da Hera l’adempimento del contratto”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista