Genitori e figli

Condividi su i tuoi canali:

Tre episodi, in una manciata di giorni,   tragedie evitabili, causate da leggerezza  e indifferenza di fronte ai divieti, da assoluta incuria genitoriale, da incapacità nel gestire i figli  iperattivi, disubbidienti, vivaci... Io direi semplicemente ""bambini"". In quanto tali, debitamente inconsapevoli e incoscienti di fronte a ogni pericolo,  anche il più terribile.  I bambini, anche i più insopportabili, non hanno colpa.  I genitori, forse, sì.

 

Episodi sconvolgenti… per la loro gravità, episodi che lasciano, insieme al dolore  per le vite umane perdute, anche lo sgomento, per la  leggerezza che, vista  dall’esterno,  appare  incredibile, impossibile… nell’affrontare  situazioni comuni: un bagno in mare, una visita allo zoo,  una vacanza a Disney World.

A Punta Marina, sul litorale di Ravenna, Luigi Marchi , di 51, anni è annegato per salvare il figlio di otto anni, con il quale era in vacanza.  Al momento dell’incidente, intorno alle 15, il mare era mosso, forza 4. Ma il mare agitato e bandiera rossa non li ha fermati e così, mentre facevano il bagno, le forti onde, avevano iniziato a spingere troppo in là il bimbo, apparso in difficoltà, benchè  munito di salvagente. Con quanta angoscia il padre abbia cercato di raggiungerlo, possiamo solo immaginarlo… Ma, mentre i  bagnini di salvataggio, vedendo i due in pericolo, sono intervenuti e hanno tratto in salvo il bambino , il padre è stato sopraffatto dalla forza delle onde, finendo sott’acqua. Recuperato, si è rivelato inutile l’intervento dei sanitari del 118, arrivati con ambulanza e auto medicalizzata: non hanno potuto fare altro che constatarne la morte.

A Cincinnati  un bambino di 4 anni, in visita allo zoo locale con i genitori,   si è arrampicato  sulla recinzione cadendo poi  da un’altezza di circa 4 metri e mezzo in una piscina poco profonda nel recinto di Harambe, un mastodontico gorilla. In dieci  lunghissimi  terribili minuti è rimasto  in balia  dell’innocente, ma non innocuo, animale… Il personale dello zoo di Cincinnati ha  deciso  di uccidere l’animale; sedarlo, come hanno spiegato, non avrebbe avuto effetto immediato, forse avrebbe addirittura  reso più aggressivo il povero animale.

“”Gli incidenti succedono”” hanno detto i genitori, ovviamente  molto criticati per la loro negligenza.

Florida, bimbo trascinato via e ucciso da alligatore vicino a Disney World

Trovato il corpo: «Era intatto»

A Disney World, in Florida,  Lane Graves, di 2 anni, è stato  afferrato da un alligatore  e trascinato via. Teatro della tragedia, la   Seven Seas Lagoon, una laguna su cui si affacciano tre resort Disney, a due passi dal celebre parco di divertimenti.  Il padre del bambino ha lanciato l’allarme. Era sulla spiaggia della laguna insieme alla famiglia, a soli tre metri dalla riva, quando un alligatore ha afferrato il bambino più piccolo, Lane, che stava giocando in acqua, dove c’è divieto di balneazione. Il padre del bambino ha lottato come ha potuto con l’animale ma  inutilmente.  L’alligatore si è allontanato. Il corpo  del piccolo è stato ritrovato dopo oltre 17 ore di ricerche.

Tre episodi, in una manciata di giorni,   tragedie evitabili, causate da leggerezza  e indifferenza di fronte ai divieti, da assoluta incuria genitoriale, da incapacità nel gestire i figli  iperattivi, disubbidienti vivaci… Io direi semplicemente “”bambini””. In quanto tali, debitamente inconsapevoli e incoscienti di fronte a ogni pericolo anche il più terribile.  I bambini, anche i più insopportabili, non hanno colpa.  I genitori, forse, sì.

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Vi illustro brevemente il numero on line da oggi. I titoli  in grassetto portano direttamente agli articoli, per rendere più agevole la consultazione di Bice anche alle persone che hanno fretta  e  che  non hanno molto tempo a disposizione.

 

Genitori e figli

di A.D.Z.

 

Uno spettacolo di moda, musica e solidarieta’

di Massimo Nardi

Nella splendida cornice di piazza Roma la stilista modenese  Anna Marchetti ha festeggiato  i 50 anni dedicati alla moda con uno spettacolo di moda, musica e solidarieta’.

Dizionarietto dell’Italia sballottata

di Alberto Venturi

Un dizionario nel quale, con ironia e disincanto, preoccupazione e  speranza,  sono elencati i mali dell’Italia, dall’Astensionismo, pericoloso morbo   di ogni democrazia… fino alla Speranza, ultima  a morire,  anche  quando la situazione appare disperata.

Il partito della Nazione

di Alex Scardina

Il Partito Democratico, figlio (senza nome) del Partito Comunista, pare abbia perso contatto con la realtà quotidiana, che sia privo di empatia, avulso dalla comunità. Dall’altra, a fronte di un centro destra friabile come una torta sbrisolona, i Cinque Stelle si sono fatti portavoce di un malessere, comune a tanti, integenerazionale ed interculturale.

Nice!!!

di Laura Rebuzzi

Fabio Grandi è un musicista che s’identifica in una sola parola NICE!!! che è anche un suo tipico intercalare. Domenica 19 a Vignola,  ore 21:30, JAZZ IN IT ORCHESTRA featuring RICK MARGITZA

“”Bice”” alla festa della stilista Anna Marchetti

di Corrado Corradi

Una  ricca galleria di immagini della serata  nella rubrica “”Visti da vicino””

 

Auguro a  tutti  buona settimana e buona lettura del n. 521 – 189.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati