GAS Rivara

Condividi su i tuoi canali:

la Regione compie la scelta giusta e trasparente: pubblichiamo in proposito una nota di Gian Carlo Muzzarelli, Presidente della Commissione Territorio Ambiente Mobilità

“”Esprimo la mia piena soddisfazione per la scelta compiuta dalla Giunta regionale di non autorizzare il progetto di stoccaggio di gas a Rivara.

Una decisione che conferma il modo corretto di operare della Regione (per quanto di competenza), che si qualifica anche per il costante coordinamento con  i Comuni e le Province.

Il parere è esemplare: nasce da una verifica tecnica di merito del progetto, e non da pressioni o suggestioni.

La decisione assunta oggi è quindi un segnale di trasparenza e serietà del governo regionale che, tenendo il filo della legalità, ha saputo approfondire le “tante perplessità tecniche” manifestate sia dalle amministrazioni locali che dai comitati.

Questa decisione “alla luce del sole”, è ben diversa dagli anni bui del centro destra, durante i quali (dal 2002 al 2006), senza il coinvolgimento delle amministrazioni locali, è stato avviato ed autorizzato (con un decreto Ministeriale del 2005) il percorso del piano per lo stoccaggio di gas a Rivara.

Mi pare quindi che le polemiche di questi mesi contro la Regione ed anche alcuni consiglieri regionali, si commentino da sé: tanto pretestuoso rumore per nulla da parte di chi, forse, non trova altro modo per fare politica”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati