Gara della Provincia per l’appalto del prolungamento della Pedemontana nel tratto tra via S.Eusebio a Spilamberto e la strada provinciale 17 a Castelvetro

Condividi su i tuoi canali:

None

E’ stato pubblicato il bando di gara della Provincia per l’appalto del 
prolungamento della Pedemontana nel tratto tra via S.Eusebio a 
Spilamberto e la strada provinciale 17 a Castelvetro.
L’importo complessivo dei lavori è di quasi cinque milioni e saranno 
aggiudicati con il metodo dell’offerta economicamente più vantaggiosa 
che tiene conto di diversi parametri, anche qualitativi, quindi non 
solo finanziari, nel giudicare le proposte presentate dalle ditte.
E sempre in questi giorni la Provincia pubblica i bandi di gara anche 
per i lavori per la sicurezza stradale in un tratto della strada 
provinciale 623 tra Modena e Spilamberto (vedi comunicato n. 545) e 
dei lavori di miglioramento sismico dell’istituto Barozzi di Modena 
(vedi comunicato n. 546) Complessivamente saranno appaltati lavori per 
oltre nove milioni e 200 mila di euro.

In allegato i comunicati stampa e immagini della planimetria del 
tratto della Pedemontana, della sp623 e dell’istituto Barozzi di Modena.

— 
Maurizio Tangerini
ufficio stampa Provincia di Modena
059 209242

—————————————————————-
This message was sent using IMP, the Internet Messaging Program.
 


 

S.Eusebio-sp17-carta.jpg (86 Kb)
 

Download

Mo-Spilamberto aerea.jpg (130 Kb)
 

Download

Mo-Spilamberto-2.jpg (133 Kb)
 

Download

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria