Futuro della ceramica: alto di gamma e lifestyle

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Alto di gamma e nuove strategie di comunicazione sono l’arma vincente nella sfida globale secondo gli esperti di Polimoda

Si è svolto nei giorni scorso a Sassuolo il fast meeting, organizzato da For, “Le nuove frontiere dell’innovazione nel design e nel marketing”.

Alla presenza di più di 60 responsabili Marketing e Ricerca e Sviluppo delle aziende ceramiche, Philip Taylor e Francesca Zorzetto, rispettivamente Direttore e docente di Polimoda, hanno delineato le strategie che le aziende italiane della moda e più in generale del lusso stanno attivando per rimanere competitive in Italia e all’estero.

Sostiene Philip Taylor

 

 “Il prodotto italiano deve sempre di più puntare su un’offerta di “alto di gamma”. L’Italia è sicuramente in questo avvantaggiata rispetto ad altri paesi della U.E.; la Ferrari e marchi internazionali della moda aiutano a rafforzare nel mondo questa percezione.

Inoltre, chi ha oggi nel mondo disponibilità di spesa, ricerca nell’acquisto un’esperienza di life style.

Anche da questo punto di vista il prodotto italiano, compresa la piastrella in ceramica, è visto come portatore unico di qualità e design.

Il mio suggerimento alle aziende del comparto ceramico è di puntare molto sul design per fare di Sassuolo la capitale del fashion ceramics, riconosciuta in tutto il mondo.

Attenzione però: parliamo adesso di design globale, non più quindi limitato al prodotto: questo comporta che tutta l’impresa, dalla sede produttiva alle show room, deve esprimere il proprio fashion distintivo”-.

 

Sulle tecniche di marketing ha invece detto Francesca Zorzetto:

 

 “ Marketing esperienziale, marketing virale e guerrilla marketing,, sono modalità innovative che partono comunque da un unico concetto base: il marketing dell’esperienza. Il consumatore cioè si chiede”che tipo di emozione potrei ancora provare?”.

Per questo, anche le aziende ceramiche devono fare leva sulla componente emozionale nel processo di acquisto, tenendo presente che nuovi valori si stanno consolidando, quali il valore etico del prodotto, legato ad esempio alla sensibilità per l’impatto ambientale”

 -.

Il 22 novembre, inizierà presso Cerfom, un corso di approfondimento per aziende ceramiche su come promuovere il prodotto ceramico con il marketing non convenzionale.

 

tullo.s@cerform.it

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un