FRANCESCO PROFUMO IN VISITA AD AGO MODENA FABBRICHE CULTURALI

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Accompagnato dal Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Cavicchioli,

il Presidente dell’Acri ha preso visione del progetto architettonico e del progetto culturale

 

Il Presidente di Acri, Francesco Profumo, ha fatto visita questo pomeriggio ad Ago accompagnato dal Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Paolo Cavicchioli. La visita è iniziata alla Biblioteca Estense dove il Presidente Profumo ha preso visione del laboratorio di digitalizzazione e del progetto “Digital Humanities”. Erano presenti, tra gli altri, la direttrice Martina Bagnoli, la prof.ssa Elena Fumagalli, e lo staff di Extense, la società che cura il progetto di digitalizzazione.

La visita è proseguita all’interno dell’ex Ospedale Sant’Agostino, dove il Presidente Cavicchioli ha illustrato il progetto architettonico e le linee d’indirizzo del progetto culturale. I responsabili del FEM (Future Education Modena), a loro volta, hanno illustrato il progetto del laboratorio di didattica innovativa. Il Presidente dell’Acri ha poi visitato i locali del Teatro Anatomico e del Museo Anatomico.

In mattinata Francesco Profumo aveva partecipato a Ferrara, nella sede della Fondazione CariFe, al Consiglio generale dell’Acri dell’Emilia-Romagna presieduto da Paolo Cavicchioli. Successivamente si era trasferito a Bologna per un incontro con il Presidente della Giunta regionale Stefano Bonaccini. 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un