Formigine: nota del v.sindaco Antonio Finelli

Condividi su i tuoi canali:

None

A Formigine una sede permanente di  monitoraggio della crisi.

“I dati della crisi stanno davvero allarmando tutti  compreso naturalmente  i Comuni alle prese con i Bilanci di previsione 2009. Un dato che emerge è che di fronte ad una situazione pesante, il Governo ha messo sul piatto delle disponibilità circa lo 0,3 % del PIL mentre altri Paesi europei, per non parlare degli Stati Uniti, hanno deciso di sostenere i redditi delle famiglie a rischio e la disponibilità di credito per le imprese con cifre che arrivano anche al 5% del PIL.

In questa situazione è chiaro che tutti stanno pensando di fare qualcosa. La Regione ha varato una serie di misure anti-recessione mirate prevalentemente al sostegno della piccola e media impresa e alle eventuali azioni di mobilità. La Provincia ha siglato un protocollo “anticrisi”con sindacati e associazioni, nel quale si concorda, tra l’altro, su «azioni integrate e coordinate per attenuare gli effetti negativi delle crisi occupazionali e si presti un’attenzione particolare a situazioni occupazionali ai margini della legalità». Non sarà molto, ma è una indicazione precisa…

A loro volta molti Comuni hanno messo in cantiere azioni di sostegno ai ceti meno abbienti. Anche Formigine nel suo Bilancio 2009, dopo aver razionalizzato il più possibile la spesa corrente, ha scelto la strada di tener fermi importanti investimenti, ha deciso di incrementare gli interventi nel settore sociale e scolastico e di istituire un fondo di solidarietà a disposizione delle situazioni famigliari più colpite.

Ci saranno certamente a livello regionale e provinciale elementi macro che ci informeranno con dati aggregati di come evolverà la situazione nei vari settori economici, ma quello di cui si sente il bisogno sono le antenne e i sensori permanenti che solo a livello di singoli Comuni è possibile attivare.

Per questo ci pare utile proporre a Formigine una sede di consultazione e di monitoraggio della crisi, tra Giunta, forze sociali e associazioni laiche e cattoliche in grado non solo di portare elementi di conoscenza ma anche disponibilità a favorire interventi di sostegno”.

 

Il Vicesindaco di Formigine

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa