Foreigner

Condividi su i tuoi canali:

Dai vagoni ferroviari, all'inizio degli anni '60, scesero tra i duecento ed i trecento migranti al giorno, figli di un'Italia felicemente semplice e povera

C’è stato un tempo, che alcuni non hanno vissuto e che altri hanno dimenticato, in cui viaggiavano treni stipati di sogni, provenienti dal mezzogiorno e diretti a Bologna, Torino e Milano. Da questi vagoni, all’inizio degli anni ’60, scesero tra i duecento ed i trecento migranti al giorno, con altrettante valigie di cartone, figlie di un’Italia felicemente semplice e povera. Assieme a loro, quei treni trasportarono voglia e bisogno di lavorare e qualche inutile pregiudizio. Oggi, questa storia torna decisamente attuale, ovviamente con nuovi protagonisti. AIRE, l’istituto anagrafico degli italiani residenti all’estero, ha diffuso gli ultimi dati sull’emigrazione italiana all’estero; il valore più importante è quel +30% di flussi in uscita. Tra le righe, però, emerge un altro dato fondamentale: ad emigrare sono veneti, lombardi e siciliani. Cioè, i treni con i siciliani non fermano più nelle città del nord, o per meglio dire, vi fanno solo una breve sosta, per poi proseguire verso Germania, Svizzera e Gran Bretagna. Infine, tra coloro che salgono su questi treni ci sono i figli dei migranti delle foto in bianco e nero dimenticate nei cassetti. Insomma, siamo un popolo di nomadi, magari sempre con valigie di cartone, ma certo non senza l’orgoglio che contraddistingue i lavoratori più instancabili.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica