FOR lancia la formazione a distanza

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Parte ad aprile un corso sul marketing operativo in modalità FAD

 

Per venire incontro a chi trova difficile partecipare a corsi di formazione in orario di lavoro o spostandosi dall’azienda, FOR organizza una serie di attività didattiche attraverso la piattaforma e-learning di Cerform. Questo vuol dire che gli iscritti ad un corso in questa modalità potranno seguire le lezioni comodamente davanti al proprio computer e attraverso una chat comunicare in diretta, durante la lezione, con il docente e i compagni di corso.

Il primo corso in partenza in modalità e-learning sarà “Il marketing operativo: tecniche e strumenti”: Obiettivo dell’iniziativa sarà quello di apprendere le principali regole e metodologie per sviluppare un’attività di comunicazione e promozione più in linea con le richieste ed aspettative del mercato delle piastrelle.

Il corso si articola in 5 sessioni di 2 ore ciascuna che si realizzeranno dalle ore 12,00 alle ore 14,00 nei giorni 16, 17, 21, 23 e 27 aprile.

Chi fosse costretto a saltare qualche lezione in diretta, avrà la possibilità, nell’arco di un mese, di rivedere la lezione registrata sulla piattaforma Cerform.

Un video illustrativo del corso è disponibile sul sito “www.elearning.cerform.it”

 

Per informazioni: Stefania Tullo, tullo.s@cerform.it,

 

Stefania Tullo

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati