Fonderie Madonnina, Modena Ora al fianco del Comitato

Condividi su i tuoi canali:

None

Franchini: “Il protocollo che prevede la chiusura nel 2022 è una beffa. I modenesi meritano di meglio di un assessore all’ambiente come la Filippi, fintamente ambientalista”

“Siamo convintamente al fianco del Comitato Respiriamo aria pulita, di Chiara Costetti, di Pietro Bertolasi e degli altri componenti del Comitato, per arrivare una soluzione vera e in tempi brevi sul caso delle Fonderie di via Zarlati. Questa mattina abbiamo firmato la petizione del Comitato per chiedere a sindaco Muzzarelli e all’assessore all’ambiente Filippi, grottescamente ex presidente Legambiente, riciclatasi coi Verdi e fintamente ambientalista, di prendere provvedimenti urgenti per fermare la diffusione degli odori prodotti dall’impianto e, se verremo eletti, promettiamo ai cittadini della Madonnina una soluzione definitiva che consenta di restituire ai modenesi un’aria respirabile”.  Cinzia Franchini, candidato sindaco di Modena Ora, questa mattina ha firmato la petizione promossa dal Comitato Respiriamo aria pulita.

“Il protocollo sottoscritto tra proprietà, e amministrazione e votato due settimane fa dalla maggioranza in Consiglio comunale, che stabilisce il trasferimento delle Fonderie entro il 31 gennaio 2022 suona come una beffa per i cittadini – continua Cinzia Franchini -. Non solo la data è eccessivamente lontana, ma nel documento è anche prevista la possibilità, previa comunicazione delle parti, di derogare ai contenuti dell’accordo stesso. Il tutto suona come una presa in giro, i cittadini non lo meritano. Ricordiamo i plurimi problemi che gravano su questo impianto: dalle coperture in amianto delle quali è stata promessa la bonifica, alla presenza di inquinanti, compresa l’alta percentuale di Benzene, di Pm 10 e polveri”.

 


 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per