FINO AL 31 MARZO 2022, IL FILMATO SARÀ PROIETTATO AL ‘PADIGLIONE ITALIA’ NEGLI EMIRATI

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Gabriele Salvatores porta l’Aceto Balsamico tradizionale di Modena D.O.P. all’Expo di Dubai: un cortometraggio dedicato alle eccellenze regionali

L’APT della Regione Emilia-Romagna ha preso contatti con il Consorzio Produttori Antiche Acetaie per selezionare il set per le riprese della Indiana Production: la scelta è ricaduta sulla ‘Meloria’ di Claudio Maletti a Casinalbo di Formigine. Gambigliani Zoccoli: “Orgogliosi di rappresentare la qualità e lo spirito il territorio”

 

L’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P. protagonista all’Expo di Dubai grazie alla maestria cinematografica di Gabriele Salvatores e al suo progetto che racconta, in video, le eccellenze delle 15 Regioni partecipanti alla manifestazione di scena negli Emirati Arabi dallo scorso primo ottobre fino al 31 marzo del prossimo anno. Il regista premio Oscar ha infatti selezionato ‘l’oro nero’ modenese tra i tre prodotti di eccellenza dell’Emilia-Romagna (assieme alla robotica e all’industria motociclistica) da raccontare in un cortometraggio in bianco e nero, pensato appositamente per essere proiettato nel contesto del Padiglione Italia.

 

Le immagini sono state girate in un’acetaia di Casinalbo, frazione di Formigine, vale a dire la ‘Meloria’ di Claudio Maletti, in cui le telecamere della Indiana Production, promotrice del progetto, sono entrate per raccontare il lento scorrere del tempo tra le batterie e la magia che porta, dopo oltre 25 anni, ad ottenere un Aceto Balsamico tradizionale di Modena D.O.P.  Extra Vecchio. La scelta di promuovere questo prodotto in un contesto internazionale così ampio è stata dell’Azienda di Promozione Turistica della Regione Emilia-Romagna la quale, nei mesi scorsi, si è messa in contatto con il Consorzio Produttori Antiche Acetaie per esporre il proprio progetto e chiedere suggerimenti di aziende in cui poter girare il video. Le riprese sono state realizzate nel corso della scorsa estate grazie al lavoro svolto, per Indiana Production, dal videomaker e regista Mattia Campo e dal sound designer Lorenzo Di Tria, il quale ha fornito un tocco d’estro per esaltare dei rumori che in un’acetaia, rispetto a un’industria meccanica, non ci sono. I cortometraggi, firmati Salvatores, infatti sono privi di commento e totalmente in bianco e nero ed esaltano i momenti e le azioni umane che permettono di arrivare a prodotti di assoluta eccellenza.

 

Il filmato, oltre a essere proiettato a rotazione al Padiglione Italia, è disponibile su YouTube (all’indirizzo https://youtu.be/B-ACslNdYDY). In questi giorni, la presenza del balsamico tradizionale a Dubai è stata esaltata anche da un ampio e approfondito articolo sull’aceto balsamico tradizionale di Modena anch’esso collegato all’Expo di Dubai e pubblicato dalla rivista La Freccia delle Ferrovie dello Stato.

 

Siamo orgogliosi che la Regione Emilia-Romagna abbia riconosciuto il balsamico tradizionale di Modena D.O.P. come prodotto alimentare rappresentativo di un territorio straordinario – commenta il presidente del Consorzio Produttori Antiche Acetaie, Mario Gambigliani Zoccoli – inquadrandolo nel contesto del messaggio voluto da Salvatores nei suoi documentari dedicati al ‘saper fare’. I nostri maestri acetai vengono messi a fianco dei costruttori della Ducati, capaci di battere le moto giapponesi, e della maestria della meccanica robotica di Piacenza, confermando così che le abilità degli emiliano romagnoli sono trasversali, uniche e inimitabili”.

 

 

 

 

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati