“Finanziaria: forte preoccupazione e insoddisfazione da parte dei commercianti”

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

«I commercianti sono insoddisfatti e c’è una forte preoccupazione sia a livello nazionale che locale per non avere avuto il coraggio di intervenire in modo strutturale sulla spesa pubblica. Si è invece preferito adottare interventi diretti a fare cassa, e per di più in tempi molto brevi, andando ad aggravare soprattutto i lavoratori autonomi, con la volontà di inasprire gli studi di settore e l’aumento delle aliquote contributive».

«Ci aspettavamo una manovra dal Governo più coraggiosa e più attenta al sostegno e al rilancio dell’economia con particolare attenzione alle esigenze delle piccole medie imprese, che occupano il 72% dei lavoratori e alle quali è riconducibile il 70% del fatturato delle imprese italiane».

«Si tratta della prima Finanziaria di questo governo, ma è pur vero che è in carica già da sei mesi. Nella manovra si legge la volontà di inasprimento della pressione fiscale verso le piccole e medie imprese, senza però che questo ennesimo sacrificio trovi un’adeguata compensazione attraverso interventi diretti a sostenere la innovazione e qualificazione della piccola e media impresa, soprattutto quella del commercio e del turismo.

«E’ esemplificativa la “tassa di soggiorno” annunciata dalla Legge del Governo, che suona come “una gabella medievale” quando in Italia l’IVA sul turismo è la più alta d’Europa, quando servirebbero ben altre risorse e soprattutto una politica adeguata di sostegno di un settore che sicuramente ha ancora un elevato potenziale da esprimere.

Visti i tagli operati nei confronti degli enti locali, chiediamo sin da ora agli amministratori, di operare nella predisposizione dei bilanci prevalentemente sul fronte del rigore della spesa, piuttosto che su quello delle entrate.

Dopo una finanziaria decisamente sbilanciata a favore delle entrate piuttosto che su interventi strutturali che vadano ad incidere sulla spesa pubblica, sarebbe insostenibile per le imprese una filosofia analoga da parte degli enti locali.»

 

 

Il direttore generale di Confesercenti Modena

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un