Finale, Ratti “Di nuovo bocciato il progetto della camera ardente”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota del consigliere comunale Pd di Finale Emilia Andrea Ratti sulla nuova bocciatura

 

 

La Regione ha di nuovo bocciato il progetto per la ricostruzione della camera ardente di Finale Emilia, visto che il Comune non aveva recepito le indicazioni specificate. Era già accaduto per l’auditorium. “Preoccupa – dice il consigliere comunale Pd Andrea Ratti – che entrambi i progetti siano stati sostanzialmente respinti per l’incapacità della Giunta finalese di usare correttamente le risorse assegnate per la ricostruzione”. Ecco la nota di Andrea Ratti:

 

 

“Respinto per ben due volte in pochi mesi il progetto per la ricostruzione della camera ardente di Finale Emilia. Le argomentazioni della Regione non sono state recepite e così, dopo la bocciatura del progetto dell’auditorium avvenuta l’anno scorso, la ricostruzione post sima a Finale Emilia subisce un altro brutto colpo e rischia di perdere altri 260.000 euro. Preoccupa che entrambi i progetti siano stati sostanzialmente respinti per l’incapacità della Giunta finalese di usare correttamente le risorse assegnate per la ricostruzione. Evidenti le responsabilità politiche del sindaco, al quale chiediamo di nuovo di lasciare le deleghe ai Lavori pubblici. La Giunta di Finale deve urgentemente essere riorganizzata, il Comune rischia di perdere definitivamente il treno della ricostruzione e non ce lo possiamo permettere”.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere