Festival Nazionale del Teatro dei Ragazzi di Marano sul Panaro

Condividi su i tuoi canali:

None

657 GIOVANI ATTORI

HANNO CALCATO LA SCENA DEL TEATRO DEI RAGAZZI

 

 

Volge al termine la ventinovesima edizione del Festival Nazionale del Teatro dei Ragazzi di Marano sul Panaro che anche quest’anno ha riscosso un grande successo tra il pubblico in prevalenza di scuole, ragazzi  e famiglie con bambini.

Sul palco si sono avvicendate 28 compagnie teatrali di giovani attori compresi tra i 5 e i 18 anni provenienti dal territorio dell’Unione Terre di Castelli (13 gruppi) dal territorio regionale (8 gruppi) e da altre regioni italiane (7 gruppi tra cui Verona, Bari, Lucca, Padova, Mantova).

 

Il teatro messo in scena dai ragazzi si conferma davvero come una importante opportunità per promuovere il valore formativo delle esperienze teatrali nella scuola. Tanti insegnanti e genitori si dichiarano entusiasti dei grandi progressi che i loro bambini compiono calcando la scena teatrale: bambini timidi che ritrovano sicurezza, alunni “difficili” che  svelano capacità insospettate e grande impegno. Gli spettatori invece rimangono sorpresi dalla grande qualità degli spettacoli ed escono dal teatro con il cuore colmo di emozione.

 

Il Festival del Teatro dei Ragazzi di Marano, promosso dal Comune e dall’Unione di Comuni “Terre di Castelli” insieme alla Fondazione di Vignola, è fra le più antiche rassegne di teatro-scuola sul territorio nazionale .

 

Gli ultimi appuntamenti del Festival, al Centro Culturale di Marano, sono previsti per le serate di  Venerdì 10 maggio con lo spettacolo “I vestiti nuovi del Re” della Scuola Media Muratori di Vignola e di Sabato 11 maggio (serata finale) con gli spettacoli “Così è se vi pare” dell’Associazione “Tutti Insieme con Gioia” e “A qualcuno piace Jazz” della Scuola Media di Marano sul Panaro.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa