Festival Filosofia di Modena, Carpi, Sassuolo

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Al festivalfilosofia di Modena 200 appuntamenti in tre giorni sulle arti

Duecento appuntamenti gratuiti in tre giorni per riflettere sul significato di ?arti?. Oltre 50 lezioni magistrali affidate a grandi protagonisti del pensiero contemporaneo, mostre, concerti, spettacoli, letture, iniziative per bambini e cene filosofiche: è ciò che propone la diciasettesima edizione del festivalfilosofia di Modena, Carpi, Sassuolo, in programma da venerdì 15 a domenica 17 settembre in 40 luoghi delle tre città.
La manifestazione, che lo scorso anno ha sfiorato le 200 mila presenze e in sedici anni ha superato i due milioni, è organizzata dal ?Consorzio per il festivalfilosofia?.
Il programma del festival viene presentato agli organi di informazione nel corso di una

CONFERENZA STAMPA
Mercoledì 12 luglio ore 11.30
Associazione Stampa Estera
Roma, via dell’Umiltà 83/C

Intervengono alla conferenza stampa:
Gian Carlo MuzzarelliSindaco di Modena;
Claudio PistoniSindaco di Sassuolo;
Alberto BellelliSindaco di Carpi;
Anselmo SovieniPresidente del Consiglio direttivo del Consorzio per il festivalfilosofia e membro del Consiglio d’amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena;
Giuseppe SchenaPresidente Fondazione CR Carpi;
Remo Bodeiprofessore alla University of California di Los Angeles, Presidente del Comitato scientifico del Consorzio per il festivalfilosofia;
Tullio GregoryAccademico dei Lincei, membro del Comitato scientifico del Consorzio per il festivalfilosofia;
Michelina Borsarimembro del Comitato scientifico del Consorzio per il festivalfilosofia;
Daniele Francesconidirettore del festivalfilosofia.

Ufficio stampa MediaMente 
Mob. 349.8304083 e 339.8850143
stampa@mediamentecomunicazione.it

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gentilezza mal ripagata

Un gesto  di gentilezza, tenere aperto il portone  d’entrata del palazzo a chi segue … Le persone  educate lo compiono quasi automaticamente, non lascerebbero mai

Olimpiadi ma non in pace

Quando nell’antichità si svolgevano  le Olimpiadi, le guerre erano sospese da una tregua e quando Pierre de Coubertin volle riproporle nel mondo che si avviava