Festival Cabaret Emergente di Modena

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp

Il Festival Cabaret Emergente di Modena è arrivato alla ventiquattresima edizione. Galleria d'immagini della prima serata di selezione nella rubrica

Visti da vicino

Ecco il report della serata, a cura di Riccardo Benini. Nella rubrica Visti da vicino, la galleria di immagini. 

 

Martedì 17 Gennaio a Villa dei Glicini, Pozza di Maranello si è tenuta prima selezione del Festival Cabaret Emergente di Modena, arrivato alla ventiquattresima edizione. Le serate di selezione si terranno ogni martedì, fino al 14 marzo.

I primi Comici a scendere in campo sono stati: CICCIO da NAPOLI, ATTILONE da RAVENNA, PIER PAOLO PEDERZINI da BOLOGNA, JO TARANTINO da TORINO, GLI STEPPINI da ANCONA, ANTONELLA GANOZZI da GROSSETO, ARMANDO BOLIVAR da REGGIO EMILIA, CARLO JOLY da TORINO e CLAUDIO SCIARA da ROMA.

Il livello emerso è stato molto alto, tanti Comici in gara sono stati apprezzati e sarà difficile per la Commissione scegliere i Prefinalisti.

Nella Guria della 24^ edizione è ritornato come presenza fissa Gian Piero Sterpi, comico beniamino del pubblico emiliano, il quale durante la serata ha eseguito un divertentissimo sketch basato sull’equivoco con la new-entry della Giuria: la giovane attrice Alessia De Pasquale, della Compagnia Teatro in Controluce. Confermate le presenze di Enrico Giampetruzzi, severo consulente finanziario, della brava giornalista Francesca Galafassi, di Giovanni Pedretti per il Cimone e del Geometra Franco Appari, che ha incantato il pubblico con “”L’Almanacco del Geometra””. Nel ruolo di supervisore il regista Guido De Maria al quale è stato dato uno spazio tutto suo denominato, di nome e di fatto,  “”L’Angolo di De Maria””. Andrea Ferrari, nel cast fisso di Si Fa X Ridere, sarà ospite del Festival e Giurato a partire dalle Prefinali.

Soltanto 14 Comici tra gli oltre 200 iscritti accederanno alle Prefinali che si terranno Sabato 25 Marzo 2017 e Domenica 2 Aprile 2017 al Teatro Ermanno Fabbri di Vignola. In 6 arriveranno alla Finalissima che andrà in scena Martedì 23 Maggio 2017 al Teatro Storchi di Modena.

In attesa della serata finale, saranno programmati 2 appuntamenti inediti: “”Aspettando il Festival Cabaret Emergente””, Sabato 22 Aprile alle ore 17 in Piazzetta San Giacomo a Modena e Sabato 13 Maggio alle ore 17 in Largo San Giorgio a Modena (questi ultimi 2 eventi sono organizzati da Maria Carafoli).

Un’altra novità assoluta è il Dopofestival che sarà allestito per la prima volta e che andrà in scena Mercoledì 24 Maggio alle ore 21 al Teatro Nero, in Via Bolzano 31 a Modena. La sera dopo la Finale quindi i protagonisti della kermesse modenese saranno sul palco del Teatro Nero per commentare il Festival, dare vita a inedite performances e discutere con 3 giornalisti specializzati delle seguenti testate: Il Resto del Carlino, La Gazzetta di Modena e Trc’.

Il Festival Cabaret Emergente 2017, organizzato con il Patrocinio del

COMUNE DI MODENA,

COMUNE DI VIGNOLA,

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI MODENA

è realizzato grazie all’indispensabile sostegno di

GRUPPO CREMONINI,

BANCA MEDIOLANUM FAMILY BANKER OFFICE VIGNOLA,

STUDIO APPARI,

BPER BANCA,

CIMONE PURE EMOTION,

TRANSMEC GROUP,

MODENA RADIO CITY,  TRC’.

Costanza Corno per Riccardo Benini
Festival Cabaret Emergente Modena
Riccardo Benini
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12