Festa di una repubblica impresentabile

Condividi su i tuoi canali:

Si  dovrebbe guardare alle cariche, ricoperte più o meno degnamente dai politici, per il significato, per la  memoria, per il  ricordo, ma è   sempre più difficile sopportare  il carrozzone che a questa festa è legato, con concerti prestigiosi, cene  riservatissime,  autocelebrazioni di  alti papaveri. Nulla di più distante dalla gente.

Da qualche anno vivo con una sorta di amaro distacco  il 2 giugno Festa della Repubblica. Non vedevo, già negli anni passati,  molti motivi di festeggiare.

E’ pur vero che  si dovrebbe guardare alle cariche, ricoperte più o meno degnamente dai politici, per il loro  significato, per la memoria, per il ricordo… ma  è sempre più difficile concentrarsi su questo,  sempre più difficile sopportare  il carrozzone che a questa festa è legato, con concerti prestigiosi, cene  riservatissime,  autocelebrazioni di  alti papaveri. Nulla di più distante dalla gente… come distanti appaiono, su  un palco in bella vista, i politici che fiaccamente  applaudono la sfilata di quelle Forze Armate che  sistematicamente, costantemente, stoltamente, indeboliscono e tagliano.

E  distante appare un Premier che “”improvvisamente”” vola a Herat,  indossando un’improbabile mimetica, cercando  il consenso,  magari quello che le urne regionali sembrano proprio aver  dimezzato, rispetto alle trionfanti europee con percentuali bulgare.

Questa è la repubblica nella quale si salvano i privilegi dei più ricchi e si esortano i redditi medio bassi a fare sacrifici, per il bene comune.

Una repubblica nella quale si scelgono date impossibili, per una tornata elettorale che ha visto un italiano su due disertare le urne; per qualsiasi motivo l’abbia fatto, (cause balneari, costruzioni di ponti tra sabato 30 maggio e mercoledì 3 giugno, disamore verso la politica, vera e propria crisi di rigetto…)  non importa: ha  comunque mancato ad un importante appuntamento, uno dei pochi nei quali gli è permesso di esprimere il proprio parere.

Una repubblica generosa, stucchevolmente premurosa e indulgente con i clandestini,  ma inflessibile, severa e  talvolta grottescamente crudele con i propri concittadini. Una repubblica incapace di mandare in galera i grandi malfattori, di ogni ceto e specie, ma capace di gettare nella disperazione altri italiani, quelli onesti, non furbi, non evasori, non delinquenti.  

Una repubblica impresentabile, come   frotte di  parlamentari che, invece, troveranno una scappatoia per rimanere saldamente  sulle loro poltrone…impresentabile come  questa povera bandiera.  Sudicia, sfilacciata, scolorita.  Una brutta immagine, sciatta, indecente. Impresentabile, appunto.  Come forse davvero stiamo diventando noi

^^^^^^^^^^

Vi presento brevemente il numero on line da oggi. Come sempre, i titoli in grassetto portano direttamente agli articoli relativi, per consentire,  anche a chi  ha poco tempo e tanta fretta, di poter sfogliare più agevolmente il giornale.

Vince il partito del non voto       di Massimo Nardi

Cresce la protesta degli italiani che si sentono esuli in casa propria. Salvini supera Forza Italia e con lui vince il partito degli euro scettici o antieuropei.

Tarallucci  e  vino  di Alex Scardina

Mentre  EXPO  vede man mano aumentare l’interesse degli stranieri, sembra  mancare  il ruolo traino per il resto del Paese. Sembra quasi che giunti nella terra della madonnina i turisti ivi rimangano senza nemmeno provare a dar una occhiata all’italianità tutta.

L’intempestiva lista degli  Impresentabili   di Alberto Venturi e Gianni Galeotti

Nel giorno di  venerdì 29 maggio  viene    finalmente diffusa la lista degli “”impresentabili””. A molti non è parsa  particolarmente tempestiva, data l’imminenza del  voto di  domenica 31.

Gayland       di Eugenio Benetazzo

Il tema è ormai un must di ogni contenitore mediatico (radio, cinema, televisione, web), tanto che lo stesso governo italiano al pari di altri europei ha messo in gestazione la proposta di legge per l’istituzione delle nozze gay.

Outdoor Chef           di Isabelle Abram

Una simpatica occasione per conoscere tutti i segreti di una buona grigliata, i consigli degli esperti e vedere da vicino i nuovissimi barbecue di una delle aziende piu prestigiose.

 

Vi auguro buona  settimana e buona lettura del n. 471-134.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gentilezza mal ripagata

Un gesto  di gentilezza, tenere aperto il portone  d’entrata del palazzo a chi segue … Le persone  educate lo compiono quasi automaticamente, non lascerebbero mai

Olimpiadi ma non in pace

Quando nell’antichità si svolgevano  le Olimpiadi, le guerre erano sospese da una tregua e quando Pierre de Coubertin volle riproporle nel mondo che si avviava