Fertility Day

Condividi su i tuoi canali:

Se per i cittadini è motivo di interesse o  perplessità, per i buontemponi, questa è una ghiotta occasione per battute  pecorecce e becere, all'insegna della più italica  sfrenata fantasia... Per gli innumerevoli ""Maître à penser"" , invece, di entrambi i sessi, che affollano  le reti sociali, è l'occasione  per dare ulteriori lezioni di vita, in questo caso sulla maternità e sulla paternità. Poco male se, talvolta, lo fanno con la stessa attendibilità e competenza  di un pesciolino rosso che disserti su boschi e foreste...

Non è la prima, non sarà l’ultima, fra le iniziative del Ministero della Salute, a destare la perplessità fra i cittadini, alle prese, anche solo per restare in tema Salute,  con infiniti problemi, che, umilmente, giudico assai superiori a questo, problemi  gravissimi e insoluti.  Diamo generosamente per buone le intenzioni del predetto dicastero,  che nel sito dedicato spiega :

“”Il primo “”Fertility day”” si celebra il 22 settembre 2016 per richiamare l’attenzione di tutta l’opinione pubblica sul tema della fertilltà e della sua protezione. La sua Istituzione è prevista dal Piano Nazionale della Fertilità per mettere a fuoco con grande enfasi:

il pericolo della denatalità nel nostro Paese, la bellezza della maternità e paternità, il rischio delle malattie che impediscono di diventare genitori,l’aiuto della Medicina per le donne e per gli uomini che non riescono ad avere bambini (….)

Dal sito sarà possibile condividere sui social i messaggi chiave per la prevenzione dell’infertilità attraverso le cartoline del #fertilityday e giocare con il #fertilitygame, un gioco per ragazzi sui comportamenti che limitano la fertilità.

Temo che i componenti e responsabili del predetto dicastero siano inconsapevoli dell’umorismo involontario  suscitato da certi dettagli… tipo  le cartoline del #fertilityday e il #fertilitygame…ma non importa.

Anche se,  evidentemente sbagliando, ho sempre pensato che  che, prima  che alla fertilità, si debbano educare i ragazzi all’affettività, alle emozioni, al rispetto dell’altro, alla profondità dell’esperienza sessuale consapevole,  vissuta, invece, come sappiamo,  con noncurante leggerezza e precocità.

Tornando  al Fertility Day, se per i cittadini è motivo di perplessità,  per i buontemponi, questa è una ghiotta occasione per le  battute  più pecorecce e becere, all’insegna della più italica  sfrenata fantasia.

Per gli innumerevoli “”Maître à penser””, invece, di entrambi i sessi, che, così numerosi,  affollano  le reti sociali, è l’occasione  per dare ulteriori lezioni di vita, in questo caso  sulla scelta ( e molto più spesso del rifiuto)  della  maternità e sulla paternità… con la stessa attendibilità e competenza di  un pesciolino rosso che disserti su boschi e foreste… dato che da maternità e paternità si sono tenuti ben lontani. 

Ma nemmeno in questo caso importa.

Rimanendo  volutamente ai margini dell’ argomento, non posso non pensare, in contrapposizione ad esso, ai continui richiami sul sovraffollamento del pianeta e al sovraffollamento  di casa nostra, sotto il nostro naso, dovuto all’incontrollata accoglienza di prolifici “”migranti”” di ogni etnia.

Lasciando alle loro certezze, i vari “”Maîtres à penser”” , sulla bellezza di non averli, i figli, penso alle famiglie che, invece, i figli li vorrebbero ma, non avendo una sicura fonte di reddito, nè speranze lavorative,  non possono permetterseli, perchè non sono incoscienti e inconsapevoli procreatori. Questo ruolo lo ricoprono già abbastanza altri, mantenuti a spese dei cittadini italiani e che, più prolifici sono, meglio stanno… favoriti in ogni graduatoria, destinatari di aiuti sociali, libri scolastici in comodato, agevolazioni di ogni genere.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Vi illustro brevemente il numero on line da oggi. I titoli  in grassetto portano direttamente agli articoli, per rendere più agevole la consultazione di Bice anche alle persone che hanno fretta  e  che  non hanno molto tempo a disposizione.

Fertility day    

di A.D.Z.

Consiglio ai lettori…

di Massimo Nardi

Consiglio ai lettori…ma agli italiani in generale: se potete fatevi un gruzzoletto e pensate di emigrare dall’Italia nella Fortezza Europa. Anche se il titolo può essere allarmistico, è forse l’unica soluzione per non finire di diventare una minoranza in casa propria? Non credo, però, bisogna che gli abitanti del bel paese facciano sentire la loro voce.

Gli sportelli bancari sono troppi     

di Alberto Venturi 

Colpa delle operazioni sempre più via web? No. Colpa del mercato senza regole, che sembra, ma non è,  libero mercato

Immigrexit

di Alex Scardina

Dopo gli esiti negativi delle elezioni regionali in Mecleburgo, la Merkel muterà la sua politica sull’immigrazione, bocciata così sonoramente dagli elettori?  Questa è una discussione che ci riguarda da vicino, poichè i flussi migratori fanno tappa anche e soprattutto in Italia

Mattarella, il cristiano dalle belle parole vuote   

Diego Marchiori

Al Presidente manca  il coraggio di Thomas More, di re Baldovino, dei cristiani che rifiutano la conversione forzata all’Islam o al ripiegamento preteso da certe ideologie. Perciò, data l’incoerenza tra parole e fatti, può dirsi un Presidente cristiano dalle belle parole vuote.

“”DAVID BOWIE IS””  

Francesca Mercury

Il report dell’inviata di Bice alla mostra dedicata al “”Duca Bianco””. La mostra, concepita , ideata e realizzata prima della scomparsa dell’artista, avvenuta nel Gennaio di quest’anno,  ha il significato di “”omaggio””, e non di un’iniziativa dedicata “”alla memoria””.

La delocalizzazione della vecchiaia   

Eugenio Benetazzo

Ci persone che fuggono dall’Italia per ragioni sopravvivenza economica, provando a vivere con grandi sacrifici in località più accoglienti sul fronte fiscale: questo consente di far fronte anche alle spese tipiche ricorrenti nella vita di un pensionato come accertamenti e visite mediche.

 

Auguro a tutti buona settimana e buona lettura del n. 528-200.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

TUTTE LE MOSTRE APERTE E AD INGRESSO LIBEROIN OCCASIONE DELLA FESTA DEL PATRONO DI MODENAMartedì 31 gennaio 2023, ore 11-19 Mostre in corso Minecraft Museum

Appuntamenti del weekend

Ultime proposte di GennaioOrario di apertura del Centro Tutti in letargo – sede di FormigineSabato 28 gennaio dalle 16.30 alle 18 – I giorni della merla: costruiamo