Favole per adulti

Condividi su i tuoi canali:

None

Quando si pensa che tutti credano a tutto…

Sconti, sconti! Da maggio ad agosto frutta e verdura a prezzi veramente da urlo. Peccato che gli alimenti in questione siano quelli che già costano poco o comunque non di stagione.

Arance e mele sono frutti conservati perché raccolti l’anno prima. Le cipolle sono note per essere economiche (mangiare pane e cipolla). Le carote costano già poco di suo. Ma ci credono tutti ingenui? Perché non mettono in sconto i fagiolini che hanno un prezzo da lingotto d’oro?

L’assessore Prampolini, rispondendo ad una lettrice di un quotidiano in merito alla famigerata Family card, disse di non potere pensare a tutti. Nessuno pretende che il Comune diventi un ente di beneficenza.

Per ottenere la Family card è necessario avere un reddito annuo inferiore a € 80.000,00 ed almeno 3 figli minorenni. Questa card darà il diritto di avere sconti anche su “promozioni” quale il pane a prezzo popolare, la spesa amica, eccetera. Però di famiglie modenesi con più di tre figli ne conosco ben poche.

Inoltre, per il 2008 e solo per chi ha la Family card si avrà diritto a sconti del 15% anche su manutenzioni ordinarie, straordinarie e mano d’opera su riparazioni delle auto.

E che dire di tutti quegli anziani che vivono con la pensione minima?

Per gli anziani è previsto l’assegno di cura che permette di assistere un anziano a casa, però non viene pubblicizzato come la Family card, il “prezzo amico di frutta e verdura” (bell’amico davvero visti i presupposti) o il “Terzo tempo con la pizza” dove solo sportivi tesserati possono usufruire di prezzi convenienti per il consumo di una pizza dal lunedì al giovedì..

La proposta sarebbe stata d’effetto se si fosse pensato a casi di anziani soli con redditi bassissimi al limite della soglia di povertà e per quelle famiglie con redditi bassi dove vi è solo un reddito e uno o due.

Forse non tutte le persone a casa da lavorare non hanno introiti, perché molte di loro per arrotondare ed evitare di pagare le tasse lavorano in nero. Scelta obbligata per ritrovarsi qualche soldo in più a fine mese.

Tutto questo per dire che a molti può essere sembrato un segnale comunale a favore di chi ha pochi soldi, ma a ben vedere è solo una favola per adulti, nemmeno a lieto fine.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

**NOI CONTRO LE MAFIE**

Incontro con GIUSEPPE ANTOCI Venerdì 10 febbraio ore 21 Istituto Alcide Cervi via Fratelli Cervi 9 – Campegine (RE) conduce Pierluigi Senatore Giuseppe Antoci, ex