FARMACIE COMUNALI, SALVAGUARDARE I LAVORATORI

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

FARMACIE COMUNALI, SALVAGUARDARE I LAVORATORI

Lassessore Maletti ha risposto allinterrogazione consiliare urgente di Ricci (Spm)

 

 

Sono riprese le trattative con Assofarma per giungere alla stipula di un nuovo contratto. Lassessore alle Politiche sociali Francesca Maletti e il sindaco di Modena la scorsa settimana hanno incontrato i rappresentanti dei sindacati delle farmacie per sollecitare una soluzione rispetto alla proposta di una piattaforma futura di contratto che non potrà penalizzare le situazioni preesistenti in modo sostanziale e dovrà cercare soluzioni rispetto a nuove assunzioni.

 

Lo ha fatto sapere lassessore Maletti rispondendo durante il Consiglio comunale di lunedì 17 dicembre allinterrogazione urgente di Federico Ricci (Sinistra per Modena) che, partendo dalla notizia della disdetta del contratto da parte di Assofarm, poneva una serie di questioni sul tema e sulla situazione delle farmacie comunali.

 

Francesca Maletti ha sottolineato come la trattativa per il rinnovo del contratto sia  condizionata negativamente dai provvedimenti normativi che hanno eroso la redditività delle farmacie; anche le farmacie comunali di Modena e Reggio Emilia, che continuano a essere in attivo, questanno registreranno un calo degli utili. Gli obiettivi di quella trattativa erano appunto: riduzione costi, differenza di trattamento per i nuovi assunti e maggiore flessibilità organizzativa. A creare le condizioni per il recesso dei contatti da parte di Assofarm è stata lazienda più rappresentativa al suo interno, che gestisce le farmacie comunali di Bologna e Milano, ma si pensa  ha affermato lassessore – ci siano le condizioni per transitare al nuovo contratto nazionale. Occorre lavorare per risolvere la situazione evitando che le scelte ricadano interamente sui lavoratori.

 

Per quanto riguarda Modena, Maletti ha ricordato che Farmacie comunali spa, insieme a Hera rappresentano valori mobiliari in possesso del Comune sui quali fare scelte rispetto agli andamenti futuri dei bilanci in spesa corrente e investimenti, tenendo conto di diversi fattori tra cui il valore delle azioni, lappetibilità del mercato e soprattutto linteresse generale della collettività, tenendo conto del servizio che Farmacie comunali svolgono per la salute e il benessere dei cittadini; esse sono unarticolazione importante del sistema sanitario sul territorio.

 

Per Nicola Rossi di Modena Futura senza sottovalutare il tema del contratto e la situazione dei lavoratori, occorre fare una riflessione più ampia e arrivare a una decisione, perché non si può pensare alle liberalizzazioni per le attività in perdita e non per quelle che hanno degli utili. Le farmacie comunali  ha ribadito – sono uno dei pochi gioielli di famiglia rimasti e il loro ruolo deve cambiare; bisogna ripensare alla loro redditività, perché il contesto è cambiato. È il momento di fare una riflessione che potrebbe essere portata in Consiglio anche attraverso un ordine del giorno.

 

Per il Pd, Luigi Alberto Pini ha sottolineato invece la funzione educazionale delle farmacie comunali, una realtà al servizio del cittadino. E ha aggiunto: Proprio perché sono uno dei pochi gioielli, le farmacie comunali, che il resto dItalia ci invidia, sono da preservare. Il loro ruolo è stato estremamente importante come calmiere sul mercato del consumo farmaceutico e può esserlo ora attraverso luso di strategie di comunicazione, come per le campagne di vaccinazioni. E non possiamo fare concorrenza a strutture private  ha ribadito – che adottano strategie di risparmio non condivisibili. Il capogruppo Paolo Trande dopo aver rimarcato il ruolo che le farmacie comunali possono avere nella prevenzione, ha precisato i motivi della contrarietà alla loro privatizzazione: le farmacie comunali continuano a produrre utili, mentre la liberalizzazione del settore non è completa e permangono ancora molti ostacoli di tipo corporativo. E ha concluso: Mi fa piacere sapere che Farmacie comunali di Modena non siano tra quelle che hanno spinto per recedere dal contratto.

 

In conclusione, Federico Ricci si è detto soddisfatto della risposta dellassessore e ha osservato: Ho raccolto la preoccupazione dei lavoratori e delle rappresentanze sindacali in merito al fatto che il nuovo contratto si allinei economicamente a quello delle farmacie private. I sindacati ci chiedono di non essere complici di questa decisione e mi sembra di capire che lAmministrazione comunale di Modena si sta muovendo per evitare il peggio, conto che continui a farlo.

 

archiviato come: Consiglio Comunale

 

http://comune.modena.it/salastampa/comunicati-stampa/2012/12/farmacie-comunali-201csalvaguardare-i-lavoratori201d

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Cristo si è fermato a Eboli

ROSI ABOUT EBOLIPer la sua XIX edizione, il festival LA VALIGIA DELL’ATTORE presenta un breve documentario inedito su Rosi e Volonté durante la lavorazione di

Visit Castelvetro!

Il nostro territorio, la vostra scoperta! Visita il Castello di Levizzano Rangone in Notturna!Venerdì 8 Luglioore 21.00Castello di Levizzano Rangone Hai mai visto un Castello di notte?