EVANGELISTI FDI: La Regione ammette i ritardi nella realizzazione della seggiovia Montecreto

Condividi su i tuoi canali:

Bologna, 19 aprile 2023

Il 23 marzo, in tempi non sospetti, ho presentato un atto ispettivo nel quale ho chiesto la data di fine lavori della seggiovia di Montecreto (Modena) alla luce delle proroghe legate alla variante del progetto esecutivo. Nella medesima interrogazione, ho chiesto all’esecutivo regionale di accertare eventuali responsabilità per il ritardo dell’apertura dell’impianto.  Interrogazione alla quale non ho mai ricevuto risposta.
In data odierna, l’assessore Corsini, rispondendo ad un’interpellanza, ha di fatto ammesso un ritardo spropositato di cui forse, l’Ente stesso si sarebbe potuto interessare per velocizzare il tutto nell’interesse di quel territorio. Un fallimento dell’amministrazione regionale.
Stupisce la risposta dell’assessore che parla di procedure complesse che investono la competenza di enti particolari tali da costringere gli enti a richiedere proroghe, come se ciò non fosse noto prima.
In particolare per la seggiovia di Montecreto è ancora in corso la procedura per ottenere il nulla osta proprio da Ansfisa, dopodiché il percorso burocratico andrebbe a compimento.
Da parte nostra vigileremo sulle tempistiche ed informeremo di queste lungaggini anche il Ministero al fine di comprendere se queste tempistiche siano regolari e se, per il futuro, possano essere previste semplificazioni per tutto l’iter.
La realizzazione della seggiovia è di fondamentale importanza per il territorio dell’appennino emiliano romagnolo, in quanto  rappresenta un obiettivo per la rivalutazione turistica e un volano per la crescita dell’interna economia montana.

Lo dichiara:
Marta Evangelisti – Capogruppo FDI Regione Emilia-Romagna 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria