ERBAZZONE

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Ingredienti per la pasta:

3/4 etti (c.a.) di farina,

250 gr. di margarina,

100 gr. di zucchero,

un uovo,

latte intero q.b.

 

Ingredienti per il ripieno:

un kg di bietole o spinaci,

3 etti di ricotta di mucca,

due uova, 

grattugiato grana abbondante (circa 7/8 cucchiai da cucina)

[se l’impasto risulta troppo solido diluire con latte.]

 

Procedimento:

Mondare le bietole e cuocerle in un tegame antiaderente senza niente (con il calore espurgano acqua). Nel frattempo preparare l’impasto partendo dalla farina e zucchero, a cui vanno aggiunti l’uovo e la margarina a piccoli pezzi e circa mezzo bicchiere di latte.

Mettere la palla dell’impasto in frigo per almeno mezz’ora a riposare.

Dovrà risultare essere un impasto solido ma elastico.

 

Le bietole vanno strizzate e tritate e messe in una capiente ciotola.

Aggiungere a poco a poco la ricotta, le uova, il grana e mischiare fino a che il composto non diventa omogeneo.

Accendere il forno a 180°.

 

Stendere metà impasto sulla teglia con uno spessore uniforme (è preferibile tirare entrambe le parti in modo da far risultare omogenei gli spessori superiori ed inferiori), spalmare il composto e ricoprire con l’altra metà dell’impasto. Forare con una forchetta in ordine sparso.

Infornare per circa 20/25 minuti. Il colore non deve essere marroncino, ma giallo scuro.

 

Claudia

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12