“Enza: erogato 1/3 dell’acqua”. I Consorzi irrigui chiedono risposte

Condividi su i tuoi canali:

None

In Val d’Enza venivano mediamente erogati dal fiume 17-18 milioni di metri cubi d’acqua. Quest’anno sono stati solo 7. Prendono voce, in merito, gli agricoltori dei Consorzi irrigui e miglioramento fondiario che, da oltre mille anni, attingono acqua da Enza a scopi irrigui. Si tratta di quelli di Canale Vernazza, Quarto di Cavriago, Viceodomini di Montecchio, D’Acque di San Polo d’Enza, di miglioramento fondiario Sant’Eulalia.
L’inedita cessazione della derivazione a scopi irrigui a Cerezzola, vicino a Ciano, nel comune di Canossa, dove nel ’47 fu realizzata la traversa preoccupa ora centinaia di aziende nelle terre dove si produce il Parmigiano Reggiano dei prati stabili e delle vacche rosse. Dalla derivazione dell’Enza sono irrigati ben 15.000 ettari tra prati stabili, vitigni e seminativi. Il provvedimento avrà validità finché il Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale e l’Arpaer, non riterranno opportuno revocarlo. Al momento, la portata minima d’acqua rende incompatibile l’attività d’irrigazione. I carabinieri forestali intensificheranno i controlli: chi infrange il divieto di prelievo rischia una multa dai 300 ai 1.500 euro.
“Stiamo per sostenere danni molto pesanti e, per la sponda reggiana – lamentano gli agricoltori – non è stato nemmeno dichiarato lo stato di calamità (a differenza di Parma e Piacenza): equivale a una condanna. Ogni giorno che passa leggiamo della Bonifica sul volere tranquillizzarci sull’avvicinarsi sempre più al Ferragosto, periodo in cui cala vistosamente la richiesta di acqua per l’irrigazione agricola. Ma non è così. Da noi se ci fosse disponibilità d’acqua si irrigherebbe eccome. Invece ora resta solo la conta dei danni. E, come noto, il periodo di irrigazione per i prati stabili, i vigneti e seminativi si prolunga ben oltre il Ferragosto, soprattutto per i prati che devono mantenere il verde agli allevamenti a indirizzo Parmigiano Reggiano”.
“Come Consorzi, dobbiamo rilevare nostro malgrado che dal torrente Enza sono stati erogati un terzo dei metri cubi rispetto agli anni precedenti. La situazione a Cavriago è molto critica non avendo prese dirette dall’Enza e le irrigazioni dipendendo totalmente dal Canale in gestione alla bonifica, a San Polo non ci sono pozzi, negli altri comuni rivieraschi le portare degli stessi sono insufficienti per colmare il fabbisogno dell’irrigazione e hanno costi energetici elevatissimi. Inoltre oggi già diversi pozzi sono fermi, perché le falde non mantengono più abbastanza acqua alle turbine. L’unico pozzo di proprietà della Bonifica è fermo da più di quattro anni: ci siamo attivati per il suo ripristino da anni, anche con raccomandate, ma ad oggi, con l’aggravante di una siccità che non lascia scampo, l’ente consortile non è intervenuto per ripararlo neanche dopo le indicazioni date, lo scorso giugno, dalla Regione Emilia Romagna per il recupero dei pozzi dismessi. Le risposte sono sempre quelle: ‘abbiamo dato l’incarico ad una ditta e verrà ripristinato”.
“I Consorzi irrigui – conclude la nota – aspettano delle risposte certe e concrete dalle Istituzioni, pur rendendosi sin da ora disponibili per lo studio e realizzazione di interventi urgenti per risolvere la crisi idrica in Val d’Enza, tra i quali anche il riconsiderare la realizzazione della diga di Vetto non più di 120 milioni di metri cubi ma da 25/30 pari all’ipotesi di Stretta delle Gazze presa in considerazione da diversi organismi della provincia”. Sempre i Consorzi irrigui chiedono di ripristinare il bacino del Lagastrello, del Balano e il Lago Verde, presenti nel crinale parmense che conterebbero circa 6 milioni di mt cubi. 

PRIVACY – Questa e-mail, inviata in alle testate giornalistiche, giornalisti
od enti pubblici, a scopo informativo, è relativa ad eventi economici e
culturali: non contiene pubblicità nè promozioni di tipo commerciale. A
norma della Legge 675/96, l’indirizzo di posta elettronica è stato reperito
da elenchi e-mail che lo hanno reso pubblico. Questo messaggio, inoltre, non
può essere considerato spam poichè include la possibilità di essere rimosso
da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere
altre comunicazioni, può chiedere la cancellazione del Suo nominativo
cliccando sul collegamento posto al termine di questo testo.

IMMAGINI – Le immagini eventualmente trasmesse con questa e-mail sono
concesse per uso giornalistico. Tutti gli altri utilizzi sono interdetti, ai
sensi della Legge 633/41 e successive modifiche, e ai sensi del Trattato
Internazionale di Berna sul Diritto d’Autore. La menzione del nome
dell’autore è obbligatoria, ai sensi del DPR 19/79.

Per cancellarti dalla newsletter clicca qui.

 


 

Consorzi irrigui e agrico… (356 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Entomodena Incontri

 Gruppo Modenese di Scienze Naturali aps, Strada Morane, 361, Modenawww.entomodena.com