Entomodena e Insettopoli, anche un evento didattico

Condividi su i tuoi canali:

None

Trentanovesima edizione Entomodena e di Insettopoli che avrà luogo nella zona sportiva di Campogalliano sabato 13 e domenica mattina14 aprile 2013.

Saranno presenti: 98 espositori provenienti da 14 diversi Paesi, i punti di ritrovo dei principali web forum di Entomologia, due mostre di fotografi naturalisti insigniti di importanti premi a livello internazionale.
Da alcuni anni ENTOMODENA non é più soltanto la “fiera” degli insetti e degli entomologi. Attraverso “INSETTOPOLI”, abbiamo creato un evento didattico divulgativo dedicato ai bambini e ai ragazzi.
Usufruiamo, fra gli altri, della collaborazione del Museo di Zoologia UNIMORE, dell’Orto Botanico di Modena, del Comune di Campogalliano, di Esapolis, Museo-Insettario della Provincia di Padova. Nei “laboratori” i ragazzi potranno sperimentare le attività dell’entomologo, scoprire i segreti delle piante carnivore, ascoltare racconti naturalistici in chiave teatrale e tanto altro ancora.
La realizzazione di ENTOMODENA-INSETTOPOLI é possibile attraverso l’impegno di oltre sessanta volontari.
Gli ingressi alle mostre e alle attività per i ragazzi sono gratuiti. La prenotazione per partecipare ai laboratori é necessaria per le classi e i gruppi superiori ai 5 bambini.
Mille grazie per la collaborazione a diffondere la notizia dell’evento.
p/ GMSN – ENTOMODENA
Mauro Malmusi
0039.333.2558174

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria