Emigrazione storica

Condividi su i tuoi canali:

E’ un’invasione mascherata dalla frase “emigrazione storica”? Fantasia o c’è un minimo fondo di verità? Gli stati d’oltralpe, citando il detto “per non saper ne leggere ne scrivere”, prendono i provvedimenti necessari. Chiudono le frontiere

 


La storia in Italia non è una materia per palati fini, ma neanche per ruvide mascelle abituate a sbranare il piedino lessato del porco o sbrodolarsi con una sugosa trippa alla romana. Ciò si evince dai libri di storia in dotazione alle scuole italiane che, il più delle volte, grondano eventi spesso mal spiegati o tirati, secondo il momento a destra o a sinistra. E’ successo per un verso fino al 2 giugno del 1946, per poi peggiorare e declinare paurosamente da quella data, grazie al sopravento della cultura di sinistra nella storia.  Sì, perché la sinistra italiana, o meglio il vecchio PCI, (ricordiamolo per i senza memoria), è stato il maggior partito nell’Europa libera fin dalla Costituente, pur sapendo dello stato di schiavismo cui erano costrette la maggioranza della popolazione dietro la cortina di ferro, spacciandolo per un paradiso. Paradiso che quei popoli, però, ne avrebbero fatto a meno. Poi, la caduta del muro di Berlino.  Da allora, venendo a mancare questo punto di riferimento, la sinistra ha cercato nuovi stimoli, nuove motivazioni per dare un significato a 72 anni sprecati a cercare un’utopia fallimentare fin dall’inizio. Quindi, si sono buttati ad accollarsi tutte le cause umanitarie del mondo, come l’accoglimento di tutti i profughi che provengono dall’Africa oppure occupandosi, e prendendo una cantonata clamorosa nel Kosovo, dove a mio avviso, sono andati a bombarde le persone sbagliate. Nel frattempo, i maggiori esperti dell’ideologia di sinistra, visto il fallimento del precedente tentativo di rendere più umane le condizioni  di lavoro di operai, impiegati e pensionati, hanno pensato di elaborare una nuova teoria, che è anche più facile da applicare. In altre parole, rendere tutti più poveri. Su questa nuova via hanno trovato come compagni di viaggio una parte di cattocomunisti, felici di auto flagellarsi ogni giorno che passa. Purtroppo, in questa loro autoflagellazione quotidiana, spesso agitando la frusta, colpiscono anche chi ne farebbe volentieri a meno. Per chiarezza: parliamo delle famiglie italiane che abitano in condomini in cui dal giorno alla notte si vedono riempire gli appartamenti vuoti da immigrati accompagnati da solerti funzionari di cooperative che sotto la camicia portano il cilicio. Sono tanti gli italiani che vorrebbero evitare le fastidiose cinghiate che arrivano inaspettatamente! Scudisciate che sono sempre più numerose: si calcola in circa 200.000 ogni anno. La metafora è chiara? Direi di sì! Purtroppo, questa situazione è destinata a peggiorare come si evince dal tiolo. Menti più elastiche delle nostre, d’oltre alpe, a mio avviso stanno preparando le contromisure per respingere la marea proveniente dall’Africa. Non è fanta politica il fatto che, sia Francia sia Germania, dopo anni di sostanziale pareggio o addirittura riduzione della spessa militare, abbiano aumentato i fondi per riarmare o migliorare i loro eserciti. Per la Germania non è plausibile la teoria che tale aumento di spesa militare sia dovuto al timore della crisi Ucraina. Infatti, non saranno certo i nuovi 40 carri armati Leopard 2, che si aggiungeranno agli attuali 200 (durante la guerra fredda erano oltre 2.000), destinanti a rinforzarsi le scarse panzer divisioni, a fermare un’eventuale zampata dell’Orso Russo (che peraltro non ha nessuna intenzione d’invadere l’Europa). Invece, da noi, e lo dico con rammarico, sono solo in aumento i sostenitori che vanno in televisione, (ma che non rappresentato la maggioranza degli italiani). Sia ben chiaro! Ci raccontano solo delle bazze su com’è bella l’accoglienza, spiegandoci che è un segno di gran civiltà, ma che io temo si potrebbe trasformare in sottomissione.  Eppure, fu un uomo non certo di destra, tal Emiliano Zapata, che disse, -Preferisco morire in piedi piuttosto che vivere in ginocchio.

Ed io aggiungo, col viso rivolto alla Mecca! Sono stato abbastanza chiaro? 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria