Emergenza, Gualmini “Subito il fondo di solidarietà europeo”

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Nota dell’europarlamentare Pd Elisabetta Gualmini sull’emergenza di queste ore

 

 

“L’emergenza di queste ore – dice l’europarlamentare Pd Elisabetta Gualmini – arriva in un momento drammatico: vicinanza anche a tutti coloro che stanno lavorando senza sosta. Chiederò al governo l’attivazione del fondo di solidarietà europeo’.

 

‘Colpiscono le immagini che abbiamo visto in queste ore tra Nonantola, Castelfranco e Modena a causa della rottura dell’argine del Panaro e anche della tracimazione in zona Fossalta. Sono vicina alle famiglie e alle aziende, in particolare a chi ha dovuto abbandonare la sua casa e alle tante persone in difficoltà che ancora in queste ore hanno bisogno di aiuto’ – con queste parole Elisabetta Gualmini, eurodeputata modenese, ha commentato l’esondazione di ieri del fiume Panaro che ha provocato ingenti danni nei comuni di colpiti, soprattutto tra Gaggio e Nonantola – ‘Solidarietà e vicinanza anche al sindaco di Nonantola Federica Nannetti e a tutti coloro – amministratori, vigili del fuoco, protezione civile, volontari – che stanno facendo il possibile per affrontare questa ennesima emergenza e che anche in queste ore stanno lavorando senza sosta per garantire la sicurezza del territorio e dei cittadini già colpiti in questi mesi difficili dalla pandemia’. ‘Bene ha fatto la Regione Emilia-Romagna – conclude Gualmini – a chiedere lo stato di emergenza. Personalmente mi impegno a fare immediata richiesta al governo di attivazione del fondo di solidarietà europeo, lo strumento che permette all’Europa di dimostrare un sostegno concreto ai territori colpiti da questa piena straordinaria. Famiglie e imprese colpite dovranno sentire la vicinanza dell’Europa.’

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa