Emergenza coronavirus. Barcaiuolo (Fdi): Regione affronti impatti su ricostruzione post sisma

Condividi su i tuoi canali:

None

“”Termine del 31 marzo fissato sia per terminare i lavori di ricostruzione da parte delle aziende sia per concludere, da parte dei Comuni, l’istruttoria delle domande di contributo va prorogato””
 

Prorogare il termine del 31 marzo fissato dalla Regione sia per terminare i lavori di ricostruzione da parte delle aziende colpite dal sisma del 20 e 29 maggio 2012 sia per concludere, da parte dei Comuni del cratere del sisma, l’istruttoria delle richieste di contributo e ottenere l’ordinanza di concessione o il rigetto della domanda. Lo chiede Michele Barcaiuolo (Fdi), che, nel pieno dell’emergenza coronavirus, richiama l’attenzione della Giunta sul tema della ricostruzione post-sisma.

“”Come le altre attività, anche la ricostruzione è rallentata, se non ferma del tutto””, spiega il consigliere, che aggiunge: “”Per i Comuni di Bomporto, Bondeno, Carpi, Cavezzo, Cento, Finale Emilia, Novi di Modena, Medolla, Reggiolo, San Felice sul Panaro, il termine per concludere sia gli interventi di ricostruzione sia l’istruttoria delle richieste di contributo e ottenere risposta positiva o negativa è stato prorogato al 31 marzo da un’ordinanza regionale, data, però, che cade nel periodo di vigenza delle disposizioni restrittive emanate per l’emergenza epidemia””.

Per questo motivo, Barcaiuolo chiede all’esecutivo regionale “”se non ritenga necessario prorogare la scadenza””.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati