Elezioni Sassuolo 2019, da Forza Italia appello all’unità

Condividi su i tuoi canali:

None

Elezioni Sassuolo 2019, da Forza Italia appello all’unità, Severi (FI): “”La sintesi è fondamentale, serve un nome che unisca oltre il centro destra. Ok a primarie””

 

Di seguito, la dichiarazione del Capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale a Sassuolo, Claudia Severi in merito alla discussione in corso sulla candidatura a Sindaco

“La storia locale e nazionale ci ha insegnato che il centro destra unito vince ed è capace di esprimere, come è successo a Sassuolo, un fronte di persone e di programmi capace di governare la città e di attrarre anche forze moderate non di partito, che credono nell’alternativa al PD ed al centro sinistra. Capace di andare oltre all’orizzonte dei partiti di centro destra stesso. Questo è l’obiettivo che bisogna continuare a perseguire in vista delle prossime elezioni amministrative. Per questo crediamo che l’ipotesi delle primarie sia opportuna e condivisibile. Aprire il confronto con gli elettori su un programma e sulla scelta di un nome non potrebbe che fare bene al centro destra, anche per includere il più ampio ventaglio di forze sociali e civiche che condividono la necessità di proporre e rappresentare una alternativa all’attuale governo della città. Il convergere delle forze di centro destra su un unico nome crediamo sia un obiettivo non solo possibile ma necessario”” 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La prudenza non è mai troppa

Ritenute espressioni della saggezza popolare, i proverbi contengono una lezioncina morale o danno  consigli e come tali si accettano ; certo a volte sono insopportabili

Accogliere e inserire si può

È arrivato alle cronache il caso di Dino Baraggioli, titolare dell’Artplast di Robbio, nel Pavese, con 90 dipendenti, che – come racconta l’Agi- aveva grosse

Biden o Trump? Le ricadute per l’Europa

Al di là dell’oceano, nella capitale dell’impero, con le elezioni di novembre,  l’inquilino della casa Bianca potrebbe cambiare, ossia il presidente. Quello che ha il potere