ELEZIONI REGIONALI: DOMENICA 12 GENNAIO PRESSO LA SEDE DI CONFESERCENTI MODENA INCONTRO CON I CANDIDATI

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Giovanni Toti, Presidente della Regione Liguria, e Valentina Mazzacurati, Coordinatrice regionale e Capolista collegata alla candidata Lucia Borgonzoni hanno chiesto un incontro con l’Associazione che avrà luogo nella sede di Modena domenica 12 gennaio a partire dalle ore 15.30.

Un’importante occasione per evidenziare le tematiche di maggiore interesse per le piccole e medie imprese del nostro territorio e per conoscere le proposte della Lista “”Cambiamo!””: domenica 12 gennaioa partire dalle ore 15.30 e fino verso le 16.30 circa, avrà luogo un incontro – richiesto all’Associazione da parte della Lista collegata alla candidata alla carica di Presidente della Regione Lucia Borgonzoni – presso la sede Confesercenti Provinciale di Modena (in via Paolo Ferrari 79).

All’appuntamento parteciperanno il Presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e la Coordinatrice regionale del movimento “”Cambiamo!”” e Capolista Valentina Mazzacurati.

Sono poi in programma altri incontri promossi da Confesercenti Provinciale di Modena con i candidati e le forze politiche che ne hanno fatto richiesta in occasione della consultazione elettorale regionale.

 

Per ulteriori informazioni:

 

Ufficio stampa Confesercenti Modena

Luisa Malaguti – MediaMente

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati